Il bilancio di Pazzali (Eur spa): «Bene Nuvola, Roma attraente per eventi»

0
207

Enrico Pazzali, amministratore delegato di Eur spa, spiega al quotidiano Milano Finanza di questa mattina i risultati del bilancio della società presentato nei giorni scorsi al cda.
“Far crescere i ricavi in un’azienda immobiliare dove è già quasi tutto affittato non è semplice- spiega- però siamo riusciti a togliere tutte le inefficienze di metri quadri non affittati”.
Comunque i risultati riguardano tutte le società del gruppo Eur. «Abbiamo tenuto sotto controllo i costi” aggiunge, mentre in particolare per Roma Convention Group (la Nuvola ndr) “siamo riusciti a più che raddoppiare il fatturato passando da 5 milioni e mezzo a oltre 12 milioni con un ebitda del 30%.”
Tuttavia l’utile netto di Eur spa è stato penalizzato dal contenzioso con Condotte “che valeva 31 milioni, poi una piccola svalutazione per quanto riguarda la cessione dell’albergo ( Le Lame ndr) , ma abbiamo recuperato imposte anticipate e il combinato disposto di queste operazioni non ricorrenti ha portato a un utile netto di 2,6 milioni per la spa e di 3 su Eur consolidato”
L’utile netto per la Nuvola è molto buono “perché ci eravamo dati con un piano strategico di arrivare al pareggio intorno al quarto, quinto anno. Di fatto già al secondo anno abbiamo raggiunto l’utile di bilancio” .
Insomma “la tanto discussa Nuvola ha fatto da volano e di anno in anno è sempre più il gioiello di famiglia del gruppo immobiliare”. La linea prescelta è stata quella di non prendere eventi locali “ma di focalizzarci su eventi corporate importanti e sui congressi”. Fra i quali quello internazionale degli avvocati che si è svolto lo scorso ottobre con 8.000 presenze, ma si è soprattutto seminato per il futuro con “un road show internazionale per portare in Italia e a Roma congressi mondiali”.
A questo fine si sono svolti recenti incontri a Washington e Londra (prossimamente a Bruxelles e in Cina) con numerosi operatori constatando che nonostante la situazione complicata della Capitale “Roma gode ancora di un notevole appeal nei contesti internazionali”.
Si è deciso quindi di aggiungere l’Asia nella seconda parte di questo road show, conclude Pazzali. “Prima dobbiamo capire che potenziale hanno l’America e l’Europa, dobbiamo capire se investire oppure andare verso Oriente. L’Asia sarà il target dell’anno prossimo, prenderemo in considerazione tutta la parte della Cina meridionale, Singapore, Taiwan, Corea”.

È SUCCESSO OGGI...