Caso Cucchi, pm Musarò: nei depistaggi picchi da film dell’orrore

0
193

“Nella vicenda Cucchi i depistaggi hanno toccato picchi da film dell’orrore. La responsabilita’ e’ stata scientificamente indirizzata verso tre agenti della polizia penitenziaria. Ma il depistaggio ha riguardato anche un ministro della Repubblica che e’ andato in Senato e ha dichiarato il falso davanti a tutto il Paese”. Lo ha detto il pm Giovanni Musaro’, durante la sua requisitoria nell’aula bunker di Rebibbia nel corso del processo bis sulla morte di Stefano Cucchi. Sul banco degli imputati ci sono 5 carabinieri per i quali il pm fara’ le sue richieste: Francesco Tedesco, che a nove anni di distanza ha rivelato che il geometra 31enne venne ‘pestato’ da due suoi colleghi, Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, accusati come lui di omicidio preterintenzionale. Tedesco e’ accusato anche di falso e calunnia (nei confronti degli agenti penitenziari) assieme al maresciallo Roberto Mandolini, mentre solo di calunnia risponde il militare Vincenzo Nicolardi.

È SUCCESSO OGGI...