La Nazionale e i sogni di Ciro Immobile: «Dobbiamo andare ai mondiali»

0
629
olanda-italia immobile
Ciro immobile

La Nazionale è per Ciro Immobile l’occasione per ritrovare Insigne e Verratti con cui ha giocato ai tempi del Pescara, stagione 2011-2012. “Quell’annata ci ha fatto fare il salto di qualità, è bello ritrovarsi qui con la maglia azzurra e rigiocare tutti insieme. Quest’anno non venivo da un periodo semplice, era giusto dimostrare e ritornare a fare bene. Abbiamo un gruppo con i giocatori di Pescara, quando fai un’annata così ti resta per tutta la vita. Hai vinto un campionato partendo dal basso, quando ci si ritrova c’è sempre lo spirito tra noi tre. Abbiamo fatto un bel percorso insieme”. Infine sulla corsa alla qualificazione diretta ai mondiali con la sfida a distanza con le ‘Furie rosse’ per il primo posto nel gruppo G: “Per giocarcela in Spagna dobbiamo vincere le prossime partite di qui a settembre. Non sarà facile”, conclude Ciro Immobile.

Intanto “La Gazzetta dello Sport” di oggi propone una intervista a Donato Di Campli, procuratore di Marco Verratti.
Il centrocampista del Paris Saint-Germain è al centro di numerosi rumours di calciomercato Serie A, è infatti nel mirino di Inter e Juventus. E le dichiarazioni dell’agente sul futuro del suo assistito in chiave calciomercato non sono passate inosservate.
Il fatto che l’Inter e la Juventus siano siano interessate, e siano pronte ad approfittare di una scissione (probabile?) tra Marco Verratti ed il Paris Saint-Germain, non è certo un mistero. Non è detto però che sia la Serie A la prossima destinazione del regista ex Pescara. Questo infatti è ancora tutto da valutare, come confermato dalle parole dello stesso agente Donato di Campli. La concorrenza internazionale, infatti, è agguerrita: tra i club maggiormente interessati all’acquisto del centrocampista italiano in estate spiccano il Barcellona, alla ricerca di un erede di Andres Iniesta, ed il Bayern Monaco di Carlo Ancelotti.

Centrocampista completo, è un playmaker tecnico, reattivo e molto agile, dotato di ottime qualità nel proteggere il pallone e di un dribbling fulmineo, spesso integrato con improvvise finte con le quali disorienta l’avversario, eseguendo diversi passaggi in pochissimo tempo e fornendo assist per i compagni di squadra. Di statura minuta, è dotato di ottimo palleggio, qualità che gli consente di dettare i tempi ed impostare l’azione. Grazie alla sua duttilità, è in grado di ricoprire diversi ruoli, quali il trequartista, il centrocampista puro o il regista davanti alla difesa, posizione che ha iniziato a ricoprire durante la sua militanza nel Pescara, guidato da Zdeněk Zeman.

LASCIA UN COMMENTO