Meteo, al via una lunga e intensa ondata di caldo: punte di 42 gradi

0
390

Ecco tutte le novità meteo dei prossimi giorni. Caldo rovente in tutta Italia con temperature sopra la media stagionale.

PUNTE DI 38-42°C DALLA VALPADANA ALLA SICILIA

Le temperature subiranno un costante aumento in settimana, con picco dell’onda di calore da mercoledì, quando sono attese punte di 38-40°C sulle aree interne lontane dal mare. I

n particolare in una prima fase le zone più roventi saranno quelle lungo il Po e in generale Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo, Lazio.

Qui i 40°C saranno un traguardo raggiungibile, anche 42-43°C sulla Sardegna.

Per quanto riguarda il Sud l’acuto del caldo è atteso soprattutto nella seconda parte della settimana.

Tra le città più roventi segnaliamo Alessandria, Piacenza, Mantova, Bologna, Ferrara, Rovigo, Firenze, Perugia, Ascoli Piceno, Macerata, L’Aquila, Terni, Perugia, Firenze, Arezzo, Siena, Viterbo, Roma, Frosinone, Nuoro, Benevento, Caserta.

A seguire anche il resto del Sud in particolare Foggia, Cosenza, Caltanissetta, Matera, Isernia.

CALDO ANCHE IN MONTAGNA

Farà molto caldo anche in montagna con punte di oltre 31-32°C a 1000m su Alpi e Appennino (qualcosa in meno sulle Alpi occidentali .

Zero termico diurno generalmente superiore a 4300-4500m.

Solo sulle coste la canicola verrà parzialmente mitigata dalle brezze, ma sarà comunque caldo e anche afoso per gli elevati tassi di umidità dovuti alla vicinanza con il mare.

METEO ROMA

Settimana bollente su Roma, interessata da un’ondata di calore eccezionale per durata e intensità.

Per molti giorni la temperatura massima raggiungerà i 36/39°C; molto caldo anche la sera. Prosegue il periodo siccitoso, probabilmente fino a metà mese.

in collaborazione con 3bmeteo

 

Leggi anche: Roma, multe via di Portonacccio illegittime. Condacons azione contro Comune

Contro il caos multe in Via di Portonaccio per la corsia preferenziale “invisibile”, il  Codacons lancia oggi una azione legale nei confronti del Comune di Roma, alla quale possono aderire tutti gli automobilisti multati.

Dallo scorso maggio il tratto di strada è tornato riservato ai bus, ma da un lato non è stata fornita sufficiente informazione ai cittadini, totalmente impreparati al cambiamento.

Dall’altro non è stata adeguatamente modificata la segnaletica stradale verticale e orizzontale.

La conseguenza per gli automobilisti è stata assai difficile individuare il divieto di transito e sono stati portati loro malgrado a commettere l’infrazione – spiega l’associazione –.

Ciò determina una situazione in cui gli utenti sono indotti dalla stessa amministrazione a violare il Codice della Strada, subendo multe del tutto illegittime. Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO