Kenya: bimba di sei mesi morta per un colpo di manganello della polizia

0
317
ticket sanità

Morire a sei mesi, uccisa da un poliziotto, che ha fatto irruzione nell’abitazione. E’ accaduto in Kenya a Kisumu (ovest del Paese). Secondo una prima ricostruzione, il bebè è morto in seguito alle ferite riportate per un colpo di manganello alla testa sferrato venerdì dalla polizia al suo domicilio in una bidonville mentre le forze dell’ordine stavano reprimendo proteste postelettorali. La famiglia ha riferito che gli agenti hanno fatto irruzione nell’abitazione e la piccola è stata colpita. Samantha, questo è il nome della bimba, era ricoverata all’ospedale ed era in come da venerdì sera. Secondo il padre, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,  la polizia ha dapprima lanciato granate di gas lacrimogeni nella loro casa, poi ha sfondato la porta e ripetutamente colpito lui e sua moglie. Il bebè, portato in braccio dalla donna, ha ricevuto un colpo alla testa. La piccola nel frattempo è diventata il simbolo della brutalità della repressione delle proteste dopo l’annuncio della rielezione alla presidenza del Kenya di Uhuru Kenyatta.

LASCIA UN COMMENTO