Rai, scade l’abbonamento e arrivano gli spot terrorizzanti

0
54
Rai, scade l’abbonamento? Te lo ricordano spot terrorizzanti

Tra le mille tasse di fine anno arriva puntuale come una cambiale anche il bollettino dell’abbonamento Rai. Premesso che è giusto e sacrosanto pagarlo, vorremmo chiedere alla Rai un po’ di clemenza, perché oltre ai continui messaggi in tutti i programmi quest’anno dobbiamo scontare anche gli spot. Filmati terrorizzanti, meno soft degli altri anni.

Quando si accartoccia la busta che contiene il bollettino da pagare scoppiano i televisori, i nonni scattano su tripli salti mortali, minacciano i nipoti. Nel modello di questa comunicazione c’è tutta la filosofia del direttore generale Luigi Gubitosi, lo stile wild dell’ex presidente del consiglio Monti (non per niente fu lui a nominarlo): tolleranza zero, anche a costo di essere aggressivi nelle scelte. Così se non pagate l’abbonamento vi salterà il televisore o la radio. D’altra parte bisogna sempre ricordare  che il settore più attivo della Rai, da quando c’è Gubitosi, è quello dell’Auditing, non c’è angolo della Rai che non sia sotto inchiesta.

E’ giusto essere rigorosi nei confronti delle mele marce, ma che bisogno c’era di attaccare anche noi poveri abbonati? Ogni DG della Rai arriva sponsorizzato dalla politica, poi lentamente pensa che sta in quel posto per meriti personali, per questo ognuno di loro conferma a un certo punto che la gestione è svincolata dal palazzo. Ma questo accade solo perché adesso è cambiato lo scenario politico?

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU MALEDETTA TV DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”5″]