Rai, Giancarlo Leone in bilico. “Troppi flop”

0
112
Giancarlo Leone, Rai

L’architetto Giancarlo Leone direttore di Raiuno, sta “ridisegnando” come si dice sui giornali, il pomeriggio e la mattina del canale che ha raggiunto in quelle fasce orarie il record negativo storico degli ascolti. Merito suo o colpa dei suoi collaboratori? Quando siamo di fronte a dei flop così clamorosi (non dimentichiamoci anche il Festival di Sanremo) si procede subito allo scaricabarile: è colpa dei vicedirettori,  dei conduttori, fino ad accusare i figuranti e i macchinisti o le donne delle pulizie.

LEONE SOTTO ACCUSA – Sembra però che il dg Luigi Gubitosi abbia finalmente, dopo stressanti indagini, trovato il vero responsabile di tutti gli insuccessi di Raiuno: Giancarlo Leone. Non ci voleva Sherlock Holmes per capirlo. Da alcuni giorni infatti è iniziata una palese insofferenza tra i due napoletani, un gelo che la dice lunga. Addirittura i corridoi di viale Mazzini sussurrano che Gubitosi abbia proposto a @Giankaleone di uscire con onore dall’azienda, approfittando dello scivolo, infatti è uno dei pochi dirigenti della Rai che è rimasto nel suo posto nonostante abbia già maturato il diritto alla pensione d’oro.

IL BRACCIO DI FERRO CON GUBITOSI – Un braccio di ferro su cui pesano le grandi amicizie consolidate negli anni da Leone, e non sarà facile rimuoverlo. Ma Gubitosi sta cercando disperatamente sponde nuove che aiutino anche la sua uscita ( secondo noi rimarrà ancora vent’anni perché non trova collocazione nelle altre aziende pubbliche). Il Dg comunque avrebbe proposto ad Antonio Campo Dall’Orto manager amico di Matteo Renzi (dalla stampa indicato come futuro Dg della Rai) di accettare invece l’incarico di direttore di Raiuno.  Una scelta intelligente, finalmente tornerebbe la rete in mano a chi conosce la tv, a un manager preparato, con esperienze anche internazionali, poi con il cognome che porta “Campo Dall’Orto”, farebbe sperare che abbia esperienza di agricoltura e che riesca a fertilizzare tutti gli appezzamenti di Raiuno che sono diventati con Leone, improduttivi e aridi. In quel caso potremmo sperare che l’ammiraglia Rai rifiorisca e che spuntino anche boccioli nuovi in sostituzione delle solite conduttrici tv super appoggiate e da tempo ormai appassite.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU MALEDETTA TV DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”5″]