Rai, Caterina Balivo pronta a “scalare” il Monte Bianco

La conduttrice sarà alle prese con un reality di Magnolia, dove un gruppo di vip durante l'estate si arrampicherà sulla vetta più alta d'Italia

0
381
Caterina Balivo
Rai, Caterina Balivo

Caterina Balivo sta diventando la star indiscussa (dopo aver deluso con Detto fatto nelle sue mirabolanti definizioni, Light-Estate-Sabato-Night, scelte e indicate una per una dal direttore di Raidue Teodoli) nei blog, dove è lanciata senza sosta dal suo ufficio stampa.

LA SCALATA SUL MONTE BIANCO – Una continua attenzione mediatica per far dimenticare gli indimenticabili flop di questi ultimi mesi. Prima abbiamo saputo che la regina di Aversa non “ha accettato” di fare “Il più grande pasticcere“, ma udite udite “ha deciso” invece di condurre un nuovo format che a pensarlo ci fa venire i brividi di freddo e non perché è ambientato in montagna, il titolo la dice lunga: “Monte Bianco“, un reality di Magnolia con un gruppo di vip che durante l’estate affronterà la scalata sulla vetta più alta d’Italia. Caterina sarebbe stata scelta dal direttore Teodoli e l’avrebbe imposta addirittura alla società Magnolia più propensa per Vladimir Luxuria. Insomma una lotta tra formidabili artiste della tv. La Balivo secondo noi sta continuando a percorrere una strada assai perigliosa. Di reality ne abbiamo visti molti, ciascuno è stato realizzato nei posti più strani, in Africa, in campagna, in un ospizio, nel deserto ect. ma l’unico che ha avuto successo è stato L’isola dei famosi, che è congeniale alla tv, anche perché il mare serve a mostrare tanti bei fusti e fuste in abiti succinti. Sulla montagna decisamente non  riusciamo a capire quali spettacolari aspetti possa offrire una scalata. Al di là di splendidi panorami e qualche primo piano di una corda, con martelli che infilano i chiodi e volti imbacuccati, non ci immaginiamo altro. Luoghi dove realmente si rischia la vita e c’è ben poco da perdersi in inutili ciance o questioni o risse.

IL PROGETTO PERICOLOSO – L’unica ambientazione possibile sarà quella dei bivacchi e dei rifugi? Durante le serate al lume di candela o a gas si questionerà del mondo di fronte a un bicchierino di grappa? Si intoneranno i canti alpini? Ci sembra un’idea forse avvincente sulla carta ma la realtà potrebbe renderla angusta. Noi ci immaginiamo (un’altra delle nostre profezie azzeccate?) che l’Auditel non sarà tanto amichevole con questo progetto. La coppia non vincente di Raidue Teodoli & Balivo che continua imperterrita a seguire il sentiero tortuoso della tv d’imitazione, ovvero la pratica funesta del copia e incolla, sembra ormai avviata a un bel tramonto, rosso e fantastico, da consumare tra le vette incontaminate delle Alpi. Ovviamente. Continua…

[form_mailup5q lista=”maledetta tv”]