Rai Uno, I migliori anni: tanti ospiti e sorprese per un gran finale

Al Bano sarà al “Jukebox” per celebrare i suoi grandi successi

0
368
Al Bano - Foto Chieregato per gentile concessione

Il “Mito” Karen Lynn Gorney, strepitosa Stephanie Mangano ne La Febbre del Sabato Sera, sarà l’ospite d’eccezione dell’ultimo appuntamento con I Migliori Anni, la gara tra decenni più amata della tv, che venerdì 26 maggio, in prima serata su Rai1, saluterà il pubblico con un’imperdibile puntata condotta da Carlo Conti con Anna Tatangelo. Celebre per la sua interpretazione al fianco di Tony Manero/John Travolta, la Gorney si è guadagnata di diritto un posto nell’olimpo del cinema internazionale con un musical che, tra luci e ombre, ha fatto indiscutibilmente storia.

Dalla discomusic d’oltreoceano alla grande canzone italiana, tutto è pronto per celebrare gli artisti più amati di oggi e di ieri e per rivivere in diretta tutte le emozioni di questo gioco della memoria tanto caro al grande pubblico. A cominciare dalle indimenticabili interpretazioni di Al Bano che, con il suo potentissimo vibrato, sarà al “Jukebox” per celebrare successi come Felicità, Ci sarà, Nostalgia Canaglia, fino al suo ultimo brano sanremese Di rose e di spine. Spazio “Jukebox” anche per l’amatissima Orietta Berti, che proporrà al pubblico l’intramontabile Fin che la barca va e altri bellissimi brani. Ancora hit a raffica per l’icona anni ‘80 Donatella Rettore, istrionica interprete di Kobra e Lamette, e per un altro gruppo che ha segnato la storia della musica italiana, i Camaleonti, sul palco con Applausi, Eternità e altri successi.
In studio per un intenso faccia a faccia con Carlo Conti anche il mattatore Teo Teocoli, eccellenza della comicità italiana, che ha dato vita a imitazioni esilaranti e inventato personaggi divenuti veri e propri cult della satira televisiva.
La sfida tra decenni proseguirà con Gianni Dall’Aglio de I Ribelli, che riporterà il pubblico negli straordinari anni ‘60 con il brano Pugni chiusi. Un medley con l’Orchestra Mirko Casadei e il fantastico liscio di Romagna mia e Ciao Mare aprirà le porte ai favolosi anni ’70, ben rappresentati anche da Gianni Nazzaro con Quanto è bella lei, da Nicola Di Bari con La prima cosa bella e dalla mitica Disco dei Santa Esmeralda con la travolgente Don’t let me be misunderstood.
Si cambia decennio con un tuffo negli anni ’80 per approdare all’indimenticabile It’s raining man di Martha Wash e alla Run to me di Tracy Spencer. Paladini dell’eurodance anni ’90 saranno invece i Corona con The Rhythm of the Night, il singolo che ha segnato il loro esordio, mentre per gli anni 2000 spazio ai principi del talent, i The Kolors, con le note funk rock di What happened last night.
Il pubblico da casa potrà arricchire l’album dei “Noi che…” condividendo attraverso Internet e i profili social del programma i suoi ricordi più belli e, sempre via web, potrà contribuire a riempire i “carrelli dei decenni”, una bacheca virtuale fatta di video, foto e ricordi per raccontare “Cosa resterà dei Migliori Anni”.
A decretare il decennio vincitore assoluto di questa ottava edizione sarà, come sempre, la Giuria dei 100 ragazzi tra i 18 e i 20 anni presente in studio, cui spetta anche il compito di rappresentare il programma sui social. La magia del passato sarà ricreata grazie alle coreografie firmate da Fabrizio Mainini e alle musiche dell’Orchestra diretta dal Maestro Pinuccio Pirazzoli.

LASCIA UN COMMENTO