“Quarto Grado-La domenica”, si parla del caso di Sara Di Pietrantonio

0
311

Ultimo appuntamento stagionale con le riflessioni e gli approfondimenti sulla cronaca di “Quarto Grado-La domenica”. Il 28 maggio, nell’access prime-time di Retequattro, Gianluigi Nuzzi si occupa del delitto di Sara Di Pietrantonio.

È la vigilia del primo anniversario di questo omicidio, che ha sconvolto l’opinione pubblica.
All’alba del 29 maggio 2016, lungo la Magliana, a Roma, i testimoni notano un’auto in fiamme. Vengono chiamati i vigili del fuoco che, poco distante, trovano il corpo semi-carbonizzato di Sara, studentessa di Economia di 22 anni. Le indagini scattano immediatamente, la vicenda conquista rapidamente le aperture di tutti i tg. Dopo qualche ora, la polizia ferma Vincenzo Paduano, guardia giurata 27enne, ex fidanzato della vittima. Secondo chi indaga, l’avrebbe prima strangolata e poi data alle fiamme.

Non stavano più insieme da mesi, eppure il giovane – emergerà in seguito – continuava a pensare insistentemente a lei: messaggi, chiamate, domande continue. L’ossessione sarebbe esplosa dopo la scoperta che Sara aveva iniziato a frequentare un altro ragazzo.
Al termine del processo, scattato in tempi molto rapidi, lo scorso 6 maggio il gup Gaspare Sturzo ha pronunciato la sentenza: Vincenzo Paduano è condannato alla pena dell’ergastolo.

Il domenicale a cura di Siria Magri, con ospiti in studio e in collegamento, ripercorre la vicenda del delitto della Magliana, gli interrogatori rilasciati da Paduano e il successivo processo.

LASCIA UN COMMENTO