Colpo al clan Casamonica: confisca da 3 milioni

0
214

Oltre 3 milioni di euro in beni mobili e immobili, tra cui un parco auto di 12 veicoli degno di un autosalone di lusso che annovera Ferrari, Bmw e Mini Cooper, una enorme e lussuosa villa, una discoteca in zona Testaccio, un ristorante e svariati conti correnti.

Questo il ricco patrimonio confiscato dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia Roma-Trastevere in esecuzione di un decreto di confisca emanato dalla Terza Sezione Penale della Corte di Appello di Roma, al termine di  un’operazione antidroga, conclusa nel gennaio del 2009, che permise di sgominare un’associazione finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, capeggiata da un appartenente alla famiglia Casamonica, con il concorso, tra gli altri, dei suoi numerosi fratelli. Complessivamente nel corso delle indagini, coordinate dalla Dda (direzione distrettuale antimafiadi Roma, gli indagati dagli originari 13 sono divenuti 44 che hanno collezionato pene per un totale di oltre 200 anni di reclusione.

L’indagine aveva tratto spunto dalla scoperta di una fiorente attività di spaccio nella capitale in cui spiccavano, oltre ai Casamonica anche un gruppo di cittadini nigeriani. Diverse le modalità di vendita utilizzate, dalla cessione in strada, all’ingresso all’interno delle abitazioni per quegli acquisti che superassero la dose per uso personale. Un consistente traffico di cocaina documentato da servizi di pedinamento, osservazione e controllo, oltre che dalle numerose attività di intercettazione telefonica. Gli introiti venivano poi reimpiegati principalmente, nell’acquisto di immobili e di autovetture oggetto dell’odierna confisca.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]