Sequestrati beni per 25 milioni di euro alla banda della Magliana

La confisca a uno dei capi storici dell'organizzazione criminale

1
153

Una storia infinita. Proprio come nel film diretto da Michele Placido o come nella serie che ha reso famosi “Er Dandi”, “Er Freddo” o “Er Libanese”. La banda della Magliana vive ancora o almeno la scia di quella organizzazione criminale lascia ancora le sue tracce. A finire nei guai uno dei capi storici. I finanzieri del comando provinciale di Roma e i carabinieri del Ros hanno infatti  dato esecuzione a un decreto di sequestro di prevenzione nei confronti di Ernesto Diotallevi, della moglie Carolina Lucarini, dei figli Mario e Leonardo e di alcuni “prestanome” individuati. Il sequestro, che arriva all’interno di una operazione denominata “Trent’anni”, ha riguardato numerosi beni immobili, autoveicoli, motoveicoli, quote societarie e conti bancari nella disponibilità di Diotallevi e degli altri componenti del suo nucleo familiare, per un valore complessivo di stima pari a circa 25 milioni di euro.

Una storia infinita in cui Ernesto Diotallevi è risultato a capo di una complessa e insidiosa realtà criminale. Uno dei leader storici della famigerata “banda della Magliana”, giunta nel corso del tempo, a disporre di un tale grado di potenza offensiva da permettersi di spadroneggiare nel territorio della Capitale e del Lazio. Nel corso degli anni, forte delle proprie capacità ed esperienze criminali acquisite sul campo, Diotallevi è giunto ad acquisire un certo credito nella ben più ampia e temibile sfera delle organizzazioni della mafia siciliana, conquistando la fiducia dei suoi esponenti di maggior rilievo.

Una storia infinita in cui si trova ampio riscontro in numerosi atti di indagine e giudiziari, che delineano e ripercorrono circa trent’anni di attività criminale italiana (1981-2013), da qui il nome dell’operazione. Il tribunale di Roma, a seguito di richiesta della Dda ha disposto il sequestro di quote societarie, capitale sociale e patrimonio aziendale di 7 società di capitali, operanti nel settore della compravendita di beni immobili, della costruzione di imbarcazioni da diporto e sportive, del commercio energia elettrica, dei trasporti marittimi e delle holding impegnate nelle attività gestionali; una società liberiana, titolare di una lussuosa villa sull’Isola di Cavallo (Corsica); 9 veicoli, tra autovetture e motocicli; 42 unità immobiliari, site in Roma, Gradara (PU) e Olbia. Si segnala, in particolare, tra i beni immobili sequestrati, una civile abitazione di assoluto pregio e valore, a piazza Fontana di Trevi, di ben 14 vani, e un complesso turistico composto da villette a schiera, fronte mare, a Olbia. Una lunga storia, che forse non avrà mai fine. Infinita, appunto.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU POMEZIA DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”9″]

1 COMMENTO

Comments are closed.

È SUCCESSO OGGI...

Al via tavolo per Roma, fuori la protesta dei lavoratori

E' iniziato poco fa al ministero per lo Sviluppo economico il round principale del Tavolo per Roma. Di fronte al ministro Carlo Calenda sono seduti il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, il sindaco di...

Roma, controlli antidroga davanti alle scuole: preso un minorenne

Con l’inizio dell’anno scolastico, sono ripresi i servizi antidroga effettuati dalla Polizia di Stato davanti alle scuole. In zona Prati, in particolare, gli agenti del Commissariato di zona, diretto da Domenico Condello, avevano avuto il...

“Se viene la polizia ti sgozzo davanti a loro”, in manette 27enne

“Se viene una macchina della polizia ti sgozzo davanti a loro, dammi trenta euro”. E’ l’ultima minaccia che ha rivolto alla madre; tossicodipendente romano 27enne, è stato arrestato dagli agenti della Polizia di Stato del...

Clonazione delle carte di credito e bancomat, skimmer sofisticato per rubare i dati

Nel corso di una mirata attività preventiva, i carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina hanno arrestato un cittadino romeno di 26 anni, in Italia senza fissa dimora, con l’accusa di intercettazione illecita...
Bimba morta cosenza

Due incidenti in poche ore, 1 morto e 4 feriti. Uno è gravissimo

Grave incidente ieri con tre mezzi coinvolti e quattro feriti di cui uno grave. È avvenuto in via Ostiense all'incrocio con via Pellegrino Matteucci. Sul posto sono intervenuti gli agenti dell'VIII gruppo Tintoretto della polizia...