Affitta autista e poi lo accoltella. Romano in manette

0
54
truffe banche uffici postali roma

In cerca di un lavoro, un 31enne romano si è trasferito dalla Capitale a Merano alloggiando per qualche giorno a casa di un suo amico prima di trasferirsi in un albergo del posto. Deciso a cambiare ancora citta”, ha lasciato anche quest”ultimo alloggio, senza pagare, e si e” trasferito a Bolzano.

Trascorso ancora qualche giorno, due giorni fa ha deciso di ritornare a Roma e, dopo aver contattato e messo a conoscenza personale dell”albergo delle sue intenzioni, questi lo hanno messo in contatto con una terza persona in viaggio verso la Capitale che, a fronte di un compenso di 800 euro, si era resa disponibile ad accompagnarlo.

Giunti a destinazione però, l”uomo ha preso tempo e ha cominciato a istruire l”autista circa le strade da prendere in quanto, secondo lui, doveva recarsi in banca per prelevare i soldi per pagarlo. A un certo punto, pero”, la vittima ha capito che l”altro lo stava facendo girare a vuoto e ha fermato la macchina chiedendo spiegazioni. A questo punto il 31enne ha estratto un coltello dalla tasca, prima puntandolo al collo dell”autista minacciandolo di consegnargli il telefono e poi pugnalandolo alla gamba per farlo scendere dall”auto e rubarla.

Questa mattina intorno alle 4, preso dal rimorso e cosciente che la sua fuga avrebbe avuto vita breve, il 31enne si è avvicinato all”equipaggio di una volante della Polizia in transito su via Zanardelli, raccontando agli agenti i reati di cui si era macchiato il giorno prima e chiedendo quindi di essere arrestato.

Identificato per A.C., i poliziotti lo hanno condotto presso gli uffici del commissariato Trevi Campo Marzio, dove al termine degli accertamenti, che hanno consentito di verificare la veridicita” del suo racconto, l”uomo è stato denunciato per il reato di rapina. La vittima, che dopo la rapina aveva denunciato l”accaduto alle forze dell”ordine, contattata e” stata messa al corrente degli sviluppi della vicenda e, dopo una ricognizione fotografica, ha riconosciuto senza ombra di dubbio il suo aggressore in colui che si era consegnato alla Polizia.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]