Abusivismo: controlli tra Colosseo e San Pietro: multe e sequestri

Sei gli ambulanti sanzionati. Confiscata un’ingente quantità di merce “sacra” con l’effigge di Papa Francesco: Denunciato il gestore di un negozio

0
168
colosseo san pietro roma

Nel fine settimana appena trascorso, i Carabinieri del Gruppo di Roma hanno dato vita ad una serie di servizi finalizzati a scoraggiare, e laddove necessario, reprimere il fenomeno dell’abusivismo commerciale, sia questo ambulante o non.

LE AREE COLPITE – Le zone maggiormente colpite da questo caso sono quelle di maggior attrazione turistica, quindi piazza San Pietro, Colosseo, Colle Oppio e vie limitrofe del Centro Storico. Non sono mancate le verifiche anche ai negozi di souvenir. Il bilancio è di una persona denunciata a piede libero, 6 ambulanti abusivi sanzionati e centinaia di pezzi di articoli vari sequestrati.

NEI GUAI – A finire nei guai è stato un cittadino cinese di 43 anni, titolare di un’attività commerciale di via Veneto al cui interno sono scattati i controlli da parte dei Carabinieri della Stazione Roma via Vittorio coadiuvati da personale dell’Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e Repressioni Frodi dei Prodotti Agroalimentari del Ministero delle Politiche Agricole. Nel negozio del 43enne sono stati scoperti, ben esposti al pubblico, 27 grembiuli e 26 boxer su cui veniva sbeffeggiato il Tricolore Nazionale, un pugnale della lunghezza di 45 cm detenuto senza la prevista denuncia agli organi di pubblica sicurezza, prodotti agroalimentari vari con marchio verosimilmente contraffatto e sui quali è stata eseguita la campionatura per verificarne la composizione e la genuinità. Il cittadino cinese è stato denunciato a piede libero per vilipendio alla bandiera o altro emblema dello Stato e detenzione abusiva di armi oltre ad essere stato sanzionato per la mancanza dell’autorizzazione alla vendita di prodotti alimentari.

COLOSSEO E COLLE OPPIO – Nell’area del Colosseo e di Colle Oppio, i Carabinieri della Stazione Roma Celio hanno elevato sanzioni amministrative per 20.656 euro a 4 cittadini del Bangladesh, sorpresi mentre vendevano, senza autorizzazione all’attività di ambulanti, 44 foulard, 32 bracciali, 22 souvenir, 20 ombrelli e oggettistica varia. Stessa sorte è toccata anche ad altri due cittadini del Bangladesh sorpresi dai militari della Stazione Roma San Pietro in via di Porta Cavalleggeri e largo del Colonnato. In questo caso i Carabinieri hanno sequestrato 78 scatoline in plastica di varie dimensioni contenenti rosari, 74 bandierine, 16 quadretti, 25 portachiavi e 15 poster, tutto materiale riportante l’effige del Santo Padre Papa Francesco.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUEQUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]

È SUCCESSO OGGI...

Termovalorizzatori di Colleferro, allo studio una riconversione

"Sembrava quasi ci fosse un accordo per portare i rifiuti di Roma a Colleferro. Quelli sono due impianti che sono stati sottoposti a revamping, rispetto ai quali si sta facendo una valutazione per come riconvertirli,...

Città Metropolitana, la scarsa trasparenza sui superstipendi dei dirigenti di un ente che...

La Città metropolitana di Roma è l'ente che ha ereditato le competenze della Provincia con qualche delega in più attribuita dalla Regione Lazio. Ma per dare una parvenza di democrazia, visto che nelle Città metropolitane  non si vota...

“Finti” clienti derubano quelli “veri”: incredibile truffa a Roma

Si fingevano clienti all’interno di un negozio di scarpe sportive di via del Corso, per poi derubare i clienti veri, ma i Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, durante i quotidiani...

«Paga o pubblico il video a luci rosse»: ragazza finisce in manette a Roma

I Carabinieri della Stazione Roma Prenestina hanno arrestato una cittadina etiope, di 28 anni, che aveva tentato di estorcere 30mila euro ad un uomo con il quale aveva avuto rapporti sessuali e durante i...

Con appena 56 milioni fra impianti compost e isole ecologiche già si parla di...

Sarà anche per l’approssimarsi della campagna elettorale per le regionali del prossimo anno, fatto sta che Nicola Zingaretti si è stancato di veder additato il Lazio fra le regioni più scassate d’Italia. Soprattutto per...