Valmontone, la rivolta degli studenti: «No ai tagli»

Richiamate in sede centrale, a Segni, le segreterie del Parodi Delfino di Colleferro e del Gigli di Valmontone

0
320
Studenti sul piede di guerra, questa mattina a Valmontone, davanti all’Istituto Enzo Gigli, la scuola superiore con indirizzi di ‘Amministrazione, finanza e marketing’ e ‘Turismo’. I ragazzi non sono entrati in classe per contestare la scelta della dirigenza di chiudere gli uffici di segreteria in entrambe le sedi distaccate dell’istituto di istruzione superiore “Via Scroccarocco 20” di Segni, costringendo alunni e famiglie a recarsi nella sede centrale, a Segni, per qualsiasi pratica amministrativa. Una scelta poco gradita sia agli alunni di Valmontone che a quelli di Colleferro (nella sede distaccata del Parodi Delfino) tanto che la settimana scorsa il Consiglio d’istituto, nella sua interezza, aveva deliberato la richiesta al preside, Roberto Chiararia, di ripristinare un punto segreteria nelle due sedi locali. Richiesta a cui il preside non ha dato alcun riscontro, inducendo i ragazzi di Valmontone alla clamorosa protesta di oggi.«Dal 2 settembre – spiega Andrea, uno degli studenti – tutto il personale Ata è stato richiamato a Segni, alla sede centrale, e noi siamo costretti a recarci fin lassù per qualsiasi cosa. Un disagio incredibile, se si pensa che in questa scuola vengono ragazzi da San Cesareo, Colonna, fino alla periferia di Roma, da una parte, ma anche da Velletri o dall’alta Ciociaria. I locali ci sono, e sono attrezzati, il personale pure non si capisce perché ostinarsi con questo provvedimento». Sul posto, a dare sostegno ai colleghi di Valmontone e ad organizzarsi per qualcosa di analogo da fare nei prossimi giorni, una delegazione di studenti di Colleferro.«Siamo uniti – aggiunge Luca, del Gigli – perché crediamo che quel che stiamo chiedendo sia solo un nostro diritto. Lo ha richiesto il Consiglio d’istituto nella sua complessità, non si capisce perché il preside non ci degni nemmeno di una risposta. La delibera del Consiglio è stata trasmessa anche al sindaco di Valmontone».Ed il sindaco, Alberto Latini, è in mezzo agli studenti a capire quel che sta succedendo per aggiungere la voce istituzionale ad una richiesta che sembra sacrosanta. «Non si capisce – commenta Latini – come nella scuola ci si possa trovare dinanzi a paradossi incredibili che contrappongono a scelte inspiegabili, giustificate con la scusa del risparmio, sperperi milionari di soldi pubblici. Un esempio lo abbiamo proprio per la sede distaccata di Colleferro per la quale la Provincia, da anni ormai, continua a spendere di affitto 2 milioni e 100 mila euro l’anno, pari a 175 mila euro al mese. E potrei citare altri di questi casi. La richiesta che fanno oggi i ragazzi è talmente semplice, e legittima, che non si può comprendere questo atteggiamento di totale chiusura». 

È SUCCESSO OGGI...

Ostia, scuola inagibile: 100 studenti a casa sine die

La scuola e' inagibile e cosi' un centinaio di studenti di un istituto elementare di Roma dovranno restare a casa "sine die". E' quanto sta accadendo nella scuola "via Mar dei Caraibi", ad Ostia,...

Roma, acciuffano il rapinatore localizzando lo smartphone

Ha scippato una ragazza in via Urbano II, impossessandosi della borsa e fuggendo a bordo di uno scooter. La giovane, nel tentativo di resistere, è stata trascinata in terra, riportando varie contusioni ed abrasioni, fortunatamente...

Tivoli, pioggia di milioni per restaurare il santuario di Ercole

"L'investimento di 13 milioni di euro per riqualificare il Santuario di Ercole Vincitore decisa dal ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, è una bella notizia per la città di Tivoli.   Un intervento reso possibile dal...

Regione Lazio, 3 milioni a Lazio Ambiente per pagare gli stipendi

“L’Amministrazione regionale sta predisponendo la delibera, che andrà in Giunta martedì, che prevede un anticipo di cassa alla società Lazio Ambiente pari a 3 milioni di euro. Le risorse consentiranno di far fronte alla...

Terreno incustodito con 21 piante di marijuana: presi due 20enni

Dopo gli arresti eseguiti nell’ultima decade e l’individuazione di una piantagione di marijuana in Tuscania, i carabinieri di Canino hanno individuato una nuova piantagione arrestando i due coltivatori. I due giovani ventenni entrambi del luogo, approfittando...