Roma, nascondeva in bocca le dosi pronte per lo spaccio

0
215

Un pusher romano di 25 anni con precedenti è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il 25enne, vecchia conoscenza delle forze dell’ordine proprio per i suoi trascorsi legati allo spaccio di droga, è stato notato dai militari in via Carlo Citerni mentre stava conversando con un altro giovane.

Dopo la breve chiacchierata, i due si sono infilati nell’androne di un vicino condominio da dove sono usciti insieme dopo pochi minuti imboccando direzioni diverse.

A quel punto, i militari hanno voluto vederci chiaro e li hanno fermati per un controllo: l’interlocutore del 25enne, alla vista delle divise, ha subito gettato in strada una pallina di cellophane che, recuperata, è risultata contenere poco meno di mezzo grammo di cocaina.

Le verifiche sono scattate anche nei confronti del pusher che, spontaneamente, ha subito consegnato ai Carabinieri un altro involucro in cellophane, contenente 0,60 gr. di cocaina, che nascondeva in bocca, stratagemma che era solito utilizzare per trasportare le dosi.

Nell’abitazione in suo uso, ubicata nello stesso stabile di via Carlo Citerni, i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato altri 50 grammi di cocaina pronta per essere venduta, circa 800 grammi di hashish, materiale per il taglio e il confezionamento delle singole dosi e la somma di 1.000 euro in contanti, ritenuti provento della sua illecita attività.

Per il “cliente” è scattata la segnalazione all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntore di sostanze stupefacenti, mentre il pusher è stato trattenuto in caserma in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.

LASCIA UN COMMENTO

È SUCCESSO OGGI...

Mafia capitale, condanne pesanti ma non viene riconosciuto il reato di mafia

Sentenza a sorpresa nell’aula bunker di Rebibbia, cade infatti per tutti i 19  imputati il 416 bis, ovvero l'accusa di associazione mafiosa del processo Mafia Capitale. Nonostante il teorema della Procura sia stato respinto...
Legacoop Lazio ha scritto una lettera aperta alla sindaca Virginia Raggi per chiederle un confronto sulle recenti decisioni della Giunta (Foto Pizzi) salario accessorio

Dopo polemiche, Raggi revoca l’avviso per cda Capitale Lavoro

Raggi ci ripensa. Dopo l'attacco sferratole ieri dal centrosinistra de "le città della Metropoli" con un atto odierno la sindaca di Roma e della città metropolitana che firma come "avv. Virginia Raggi" ha revocato,...

Sistema salvataggio coordinato, a Ladispoli torna “Estate sicura”

“Prevedere, prevenire, provvedere”: queste le parole chiave di  “Estate sicura- Ladispoli 2017”. Il sistema di salvataggio coordinato, grazie al progetto di sicurezza balneare affidato dal Comune all'associazione di Protezione Civile Dolphin onlus, sarà in...

Rapina supermercato con un coltello, ma la felpa di Superman lo tradisce

E’ successo a Tor de Cenci. Un uomo è entrato in un supermercato e, dopo aver  minacciato la cassiera con un coltello da cucina, s’è fatto consegnare l’incasso. Poi si è allontanato a bordo di un’...

Morto tra Zagarolo e San Cesareo, preso il presunto responsabile

Denunciato per "omicidio stradale" e "fuga". Agenzie e giornali riportano oggi la notizia delle indagini concluse sulla morte del 47enne barista di Zagarolo a seguito di un incidente. Restano da chiarire le cause e le...