Farmacie, autogrill e banche nel terrore: 15 colpi in 12 mesi a Roma

Colpi a Tor di Quinto, Appio, Parioli, Settecamini, Capannelle, Torre Maura e Tivoli. Rintracciato 53enne di origini casertane

0
375

Banche, farmacie e autogrill: questi gli “obiettivi” di un 53enne sottoposto a fermo dalla Polizia di Stato. Originario di Caserta, l’uomo è ritenuto responsabile di almeno 15 rapine a mano armata commesse negli ultimi 12 mesi a Roma. “Bottino” complessivo circa 50.000 euro.

LE INDAGINI DOPO I 15 COLPI A ROMA

Le indagini – condotte dagli agenti del Commissariato San Giovanni e coordinate del gruppo reati contro il patrimonio della locale Procura della Repubblica presso il Tribunale, sotto la direzione del Procuratore Aggiunto Dr.ssa Lucia Lotti, – si sono concluse ieri con la notifica dell’Ordinanza di Custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Roma, al termine di una scrupolosa attività investigativa della Polizia di Stato, che ha permesso di ricostruire il percorso criminale dell’arrestato che, in più circostanze, ha utilizzato gli stessi abiti, la stessa pistola, e il medesimo “modus operandi” per compiere le rapine. Appio, Tor di Quinto, Parioli, Settecamini, Capannelle, Torre Maura, Tivoli: diverse le zone della capitale dove il rapinatore ha colpito.

LA SVOLTA

Ad inchiodarlo due determinanti risultanze investigative: le immagini di video-sorveglianza di alcuni esercizi commerciali rapinati, e il riconoscimento da parte di alcune persone, dipendenti dei negozi, dirette vittime dell’uomo. L’evento criminoso decisivo per la sua cattura è stata l’ultima rapina, effettuata lo scorso 10 maggio ai danni dell’autogrill “Casilina Esterna“ sul G.R.A., già colpito dall’uomo vittima in un’altra precedente rapina avvenuta a gennaio. Dalle descrizioni fornite dalle vittime è risultato essere la stessa persona. Medesima “tecnica” e medesima fisionomia dell’autore anche in diverse altre rapine, sulle quali i poliziotti stavano indagando.

LA SCOPERTA DELLA POLIZIA

Dai successivi riscontri, S.S., queste le iniziali dell’uomo, peraltro incensurato, è stato rintracciato nei pressi della sua abitazione; al momento del controllo si trovava a bordo della sua autovettura, dove gli agenti hanno trovato una pistola, una colt semi-automatica e un cappellino di lana, più volte utilizzato nelle rapine. Nella sua abitazione inoltre, ben nascosta dietro il forno della cucina, gli investigatori hanno trovato un’altra pistola, una beretta. Accompagnato in carcere, il malvivente dovrà rispondere del reato di rapina aggravata. Gli investigatori proseguono nelle indagini essendo possibile che l’uomo si sia reso responsabile anche di rapine in altre località italiane.

LASCIA UN COMMENTO

È SUCCESSO OGGI...

Roma, uccise la madre soffocandola con un cuscino: pm chiede 30 anni al figlio

Trenta anni di reclusione con rito abbreviato. E' la condanna chiesta dalla procura di Roma per Lorenzo Borghi, il ventiquattrenne accusato dell'omicidio volontario di sua madre. La richiesta è stata avanzata dal pm Vittoria...

Roma, “Rocky Mannaia” ancora nei guai: è il terrore delle farmacie

Una “carriera” iniziata nel lontano 1997 per un 56enne, con numerosi precedenti per rapina, noto come Rocky Mannaia, è stato sorpreso nuovamente in flagranza dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina mentre...

Bambina di 10 anni in pericolo di vita portata d’urgenza al Bambino Gesù di...

Effettuato nella tarda mattinata di oggi un trasporto sanitario d’urgenza da Cagliari a Roma a favore di una bambina di 10 anni in imminente pericolo di vita. Alle 12:50 la piccola paziente è stata imbarcata dall’aeroporto di Cagliari-Elmas, insieme...
A1

Spaventoso incidente vicino Roma: muore 34enne

Una dinamica ancora tutta da chiarire, ma è stato davvero spaventoso lo scenario che si è presentato davanti ai primi soccorritori ieri sera in via Severiana ad Ardea dove un ragazzo di 34 anni...

Violenza sulle donne, il Campidoglio punta sulla videosorveglianza

"Ribadisco il concetto che il tavolo ha avuto la funzione di fare la ricognizione dell'esistente e metterlo a sistema. Forse non è stato ben comunicato finora ma quel che abbiamo a disposizione è tanto"....