Carabinieri intervengono per una lite in famiglia e scoprono spacciatore

0
331

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un ragazzo romano di 25 anni, con precedenti e già sottoposto all’obbligo di firma, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
I militari sono intervenuti in una casa di via delle Betulle dove era stata segnalata al “112” una violenta lite in famiglia.
Arrivati sul posto i militari sono entrati nell’appartamento e hanno trovato madre, padre e figlio i quali tentavano di minimizzare quanto era stato indicato al Numero Unico di Emergenza.
Quando i Carabinieri hanno chiesto ai presenti di mostrare i loro documenti, il ragazzo è entrato nella sua camera da letto chiudendo dietro di sé la porta, per poi uscirne subito dopo, avendo cura di chiudere nuovamente la porta.
Quello strano atteggiamento e l’eccessiva agitazione palesati dal 25enne hanno spinto i militari ad approfondire le verifiche facendo scattare una perquisizione: proprio nella camera da letto, appena entrati, i Carabinieri si sono imbattuti in un forte odore di marijuana che è stata trovata in grandi quantità sparpagliata qua e là nella stanza.
Alla fine delle operazioni di ricerca, sono stati sequestrati 614 gr. di cannabis indica e altri 194 gr. di hashish, oltre al materiale utile alla pesatura e al confezionamento delle singole dosi.
Per il giovane pusher sono scattate le manette ai polsi. Trattenuto in caserma è ora in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.

LASCIA UN COMMENTO

È SUCCESSO OGGI...