Il boss di Guidonia e le ex prostitute che volevano prendersi Roma

I carabinieri hanno scoperto aguzzini che estorcevano denaro alle ragazze che lavoravano sulle vie della capitale

0
483

Quel figlio non l’avrebbero mai fatto nascere. E al quarto mese, quando la gravidanza non poteva più essere nascosta, sono arrivate le minacce e l’obbligo di abortire immediatamente. È successo clandestinamente e senza pietà: il feto asportato e sotterrato in una buca scavata nel terreno. Lei, la vittima, è una prostituta dell’Est Europa. L’aborto obbligato solo l’ultima, la peggiore, delle angherie subite da una banda di aguzzini.

Lei, insieme ad un’altra ragazza “lavorava” a Settecamini, in un piazzola di sosta sulla via Tiburtina. E lì che si sono presentati la prima volta un anziano italiano e le due compari straniere, ex prostitute, con intenti affatto amichevoli: pretendevano settimanalmente una parte cospicua dei loro introiti per potere continuare a occupare quello spazio di strada. L’estorsione è andata avanti per qualche tempo finchè, forse proprio dopo la perdita del suo bambino, le due prostitute si sono convinte a rivolgersi alle forze dell’ordine.

L’operazione dei carabinieri della compagnia di Tivoli è scattata immediatamente e attraverso pedinamenti e intercettazioni telefoniche gli uomini dell’Arma sono riusciti a mettere insieme abbastanza prove per incastrare la banda. Il gruppo partiva in “spedizione” da Guidonia Montecelio, dove era residente, e controllava il tratto romano della via Tiburtina in cerca di lucciole da sottomettere. Hanno anche scoperto che l’uomo, 61enne, si spacciava per un poliziotto e spesso faceva sfoggio di una pistola per mantenere in soggezione le ragazze.

Ora i tre aguzzini sono in arresto, in attesa di giudizio, e l’attività dei militari prosegue per arginare il fenomeno della prostituzione e dello sfruttamento che si consuma lungo le consolari della capitale.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE DI GUIDONIA DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”4″]

È SUCCESSO OGGI...

Ciampino, un’estate di fuoco: emergenza incendi boschivi

L'estate 2017 è stata finora la più impegnativa​, ​da​ molti anni a questa parte​,​ nella regione Lazio e nella provincia di Roma per quanto riguarda il fenomeno degli incendi boschivi, tanto da far emanare dalla Prefettura...

Ladispoli, divieto di uso dell’acqua potabile in due frazioni

L’amministrazione del sindaco Grando informa i cittadini che è stata emessa ordinanza di divieto di consumo per uso alimentare dell’acqua a Monteroni e Marina di San Nicola. Nella frazione di Monteroni l’analisi chimica ha rilevato...

Ardea, la giunta dice “no” alla biogas Suvenergy

La giunta comunale di Ardea ha approvato nella seduta di oggi una memoria ostativa in merito alla centrale biogas “Suvenergy” nel quartiere di Pescarella. “Con questa delibera abbiamo deciso di dare un netto 'no' a un impianto...

Ogni cosa al suo posto, romanzo d’esordio di Dimitri Cocciuti

Ogni cosa al suo posto è il titolo del primo romanzo di Dimitri Cocciuti che verrà presentato venerdì 1° settembre  nella Libreria “Mangiaparole” (Via Manlio Capitolino 7/9, zona Furio Camillo) e sabato 2 settembre un grande...

Pomezia, il sindaco Fucci scrive una lettera di diffida all’Eco-X

In data 17.08.2017, il Sindaco di Pomezia Fabio Fucci ha diffidato il legale rappresentante dell’Azienda Eco-x srl, proprietaria dell’immobile e il legale rappresentante dell’Azienda Eco Servizi per l’Ambiente srl, gestore dell’attività condotta nell’immobile, ad...