Venditori di portachiavi: bufale e truffe a Roma e in provincia

Pioggia di segnalazioni presso parcheggi e semafori. C'è chi fa anche regali. Carabinieri: «Verificare sempre la provenienza»

0
348

Spuntano all’improvviso nei pressi di semafori, centri commerciali e parcheggi pubblici. Sono i “famigerati” venditori di portachiavi. Allettanti gadget in plastica e persino in vetro dalle più svariate forme, magari da regalare per Natale. Alcuni lo fanno per uno scopo di solidarietà.

Indossano una pettorina arancione e si propongono ai tanti automobilisti. Le forme più comuni diffuse in provincia di Roma sono quelli riferiti alla raccolta di fondi per la ricerca ma c’è anche chi lo fa autonomamente per racimolare qualche euro per sè. Di sicuro molti lo fanno senza alcun titolo o autorizzazione. Gli istituti e le associazioni di raccolta fondi ci tengono a precisare che non intraprendono mai iniziative presso semafori e se lo fanno hanno sempre un’autorizzazione, uno stand visibile e un logo chiaramente riconoscibile.

Niente di tutto questo in quelli avvistati nei giorni scorsi all’Ikea, al semaforo di via Appia Nuova (questa mattina), al centro commerciale di Palestrina “I Platani” e al centro commerciale Roma est. Sono solo alcune segnalazioni, tutte però attendibili e facilmente verificabili. Assieme a queste si sommano poi le bufale o le pseudo verità.

Si tratta di quelle persone che regalerebbero portachiavi. A quale scopo? Il gadget conterrebbe all’interno un microchip che servirebbe a spiare le persone per fare furti all’interno dell’abitazione. In rete circolano diverse lettere che invitano a «a rifiutarlo senza ombra di dubbio o, se lo si fosse accettato, per non dare dispiacere al donatore, sarebbe meglio liberarsene quanto prima». Le forze dell’ordine da tempo si interrogano su questo fenomeno che si riferirebbe a un caso proveniente dall’Usa.

«E’ una segnalazione molto comune – spiega il capitano Emanuela Rocca della compagnia di Tivoli. Ma di certo è uno stratagemma alquanto fantasioso. Innanzitutto il sistema tecnologico indicato è sofisticato e poi personalmente avanzo dei dubbi su questa modalità. Ci sono molte persone che fanno questo mestiere – continua il capitano – e sarebbe sempre opportuno verificare la provenienza e l’obiettivo di queste vendite. Io non darei soldi a nessuno nè accetterei gratuitamente un oggetto senza sapere di cosa si tratta».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]

È SUCCESSO OGGI...

incidente gra

Terribile incidente, chiuso svincolo Civitavecchia e traffico in tilt

Autostrade per l'Italia comunica che, poco prima delle ore 10, è stato chiuso, sulla A12 Roma-Civitavecchia, il tratto compreso tra Civitavecchia Sud e Civitavecchia Nord in direzione nord, a causa di un incidente tra...

Controlli a ormeggi e rimessaggi nautici: multe e sanzioni dei carabinieri

Un lavoro lungo e complesso quello svolto dal Servizio Navale della Compagnia Carabinieri Roma Ostia, competente non solo sul litorale ma anche su tutto il tratto urbano del fiume Tevere sino alla sua foce....

Zingaretti a Guidonia Montecelio: “Costruiremo qui una Casa della Salute” 

Piastra di Pronto Soccorso, Casa della Salute, raddoppio della ferrovia e più chilometri per il trasporto su gomma. Non è la lista dei desideri ma fatti concreti che il presidente della Regione Lazio, Nicola...

Stazione Tiburtina: immigrato aggredisce brutalmente un commerciante

Ancora un’aggressione alle stazioni di Roma e questa volta a farne le spese un semplice commerciante. Era nel suo negozio, nella sua attività. Aveva aperto da poco tempo un bar di fronte la Stazione...

Rissa per un grappolo d’uva: uomo colpito al volto

Gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Trevi sono intervenuti a Roma, in via Leonina, dove hanno arrestato un cittadino senegalese di 21 anni per il reato di lesioni gravi. In particolare, il giovane è...