Albano, tentano di scippare catenina d’oro a una 40enne

0
97
Albano, tentano di scippare catenina d'oro a una 40enne

E’ successo tutto in pochi secondi ma per fortuna il colpo non è andato a buon fine. Due ragazze di circa 25 anni, probabilmente nomadi, ad Albano Laziale, hanno tentato di scippare una signora di 40 anni.

IL TENTATO SCIPPO – La vittima è stata infatti affiancata dalle giovani e di forza hanno cercato di strapparle una catenina d’ora, con la chiara intenzione di fuggire in una delle vie del centro cittadino.

LA REAZIONE – Soltano la prontezza della 40enne le ha consentito di reagire con fermezza, riappropriandosi del prezioso, prima che le due potessero fuggire a bordo di una Ford Ka grigia scura.

L’APPELLO – La polizia, che è prontamente intervenuta, ha poi lanciato un appello ai cittadini, inviando chiunque le vedesse a contattare gli agenti in forza al Commissariato albanense. L’auspicio è quello di evitare che altre persone possano finire nelle loro grinfie e di acciuffarle prima di compiere altri gesti simili.

CONTROLLI – Solo qualche giorno fa una volante del commissariato di Albano Laziale, nel corso di un pattugliamento lungo la via Nettunense, aveva notato un’autovettura di colore nero, con targa romena, con a bordo quattro persone, in sosta nei pressi di un distributore di carburante. Il conducente alla vista della pattuglia, aveva tentato di allontanarsi mettendo in moto l’auto. Gli agenti sono riusciti ad impedire che si allontanassero, intercettandoli e controllandoli.

QUATTRO GIOVANI TRA I 21 E I 29 ANNI – I quattro giovani a bordo, romeni, di età compresa tra 21 e 29, anni tutti con precedenti penali per reati contro il patrimonio, erano stati trovati in possesso di attrezzi atti allo scasso, torce elettriche e guanti. Accompagnati presso gli uffici di Polizia, erano stati denunciati in stato di libertà per il possesso di oggetti atti allo scasso e allontanati con foglio di via obbligatorio e il divieto di ritorno in Albano Laziale, emesso dal Questore di Roma, in quanto residenti in altri comuni. L’ipotesi più accreditata è che il gruppo si fosse portato in Albano per consumare furti in danni di abitazioni e di esercizi commerciali. Sono in corso accertamenti a largo raggio, in ordine ad eventuali furti compiuti nella zona.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU ALBANO LAZIALE DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”11″]