Guidonia, ubriaco picchia moglie e si chiude in casa armato di machete

0
63

Un’altra triste storia di violenza sulle donne è stata scoperta, nella tarda serata di ieri, a Guidonia Montecelio, dai Carabinieri che hanno arrestato un uomo violento. L’allarme è stato dato dal padre dell’aggressore che, dopo aver picchiato la moglie, si era chiuso in casa con i due figli, di 12 e 14 anni, armato di un machete.

BARCOLLAVA UBRIACO – Gli uomini dell’Arma non hanno esitato ad entrare nell’appartamento, dove hanno trovato i due bambini impauriti in un angolo e l’uomo barcollante, in evidente stato di alterazione psicofisica dovuto all’abuso di sostanze alcoliche; il machete era sopra un tavolino del salotto. A quel punto, su indicazioni del richiedente, i militari della tenenza di Guidonia Montecelio sono scesi in garage dove, rannicchiata tra le braccia della madre, c’era la moglie con il volto tumefatto e gonfia di lacrime. La donna era stata aggredita e violentemente percossa perché si era rifiutata di subire l’ennesimo rapporto sessuale non consenziente richiesto dal marito che, come ogni giorno, rincasava completamente ubriaco e fuori di sè.

TRE ANNI DI VIOLENZE DOMESTICHE – La ricostruzione dell’intera vicenda ha portato alla luce tre anni di angherie e violenze di ogni genere. Agli atti della tenenza c’è anche un esposto anonimo che segnalava continue grida da quella casa: i Carabinieri avevano provato a convincere la donna a denunciare, ma per lei era stata troppa la paura: stanotte ha raccontato che l”uomo minacciava di uccidere lei e tutta la sua famiglia. La vittima è stata portata all”ospedale di Tivoli dove i medici, dopo essersene presi cura, hanno giudicato le ferite guaribili in 20 giorni. I Carabinieri della tenenza di Guidonia Montecelio hanno arrestato l’uomo e lo hanno condotto presso il carcere di Rebibbia, a Roma.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU GUIDONIA DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”4″]