Furti a Ciampino e Morena. Strani segni sui citofoni

0
1054

La solita leggenda metropolitana direbbe qualcuno. Ma i fatti parlano chiaro: almeno cinque palazzi marchiati e decine di furti nelle ultime settimane. Che ci sia una precisa corrispondenza nessuno l’ha mai accertato. Almeno nell’ultimo periodo.

I SEGNALI ESISTONO – «Che i nomadi marchino il territorio è un’abitudine che c’è da tempo». Parola del comandante della compagnia di Frascati Iacoviello che spiega le modalità di azione di piccoli gruppi criminali. «Era un fenomeno in uso soprattutto una decina di anni fa. Segnali sui citofoni, stracci davanti alle porte e scarpe appese sui fili della luce. Queste le modalità maggiormente usate – spiega. Ma a oggi non abbiamo trovato alcuna corrispondenza tra furto e segnale. Di certo il fenomeno desta curiosità e allarmismo. A Grottaferrata ad esempio qualche settimana fa un gruppo di famiglie ci aveva segnalato questi segni sui citofoni, ma non abbiamo mai trovato i colpevoli, nè ci sono stati furti. La casistica può essere davvero ampia».

AUMENTO DEI FURTI – A Morena in tre giorni hanno visitato 7 case. Due furti a Ciampino nell’ultimo mese. E ancora decine di colpi tra Tor Vergata e Centocelle, Cave, Frascati e Palestrina.

MISTERIOSI SEGNALI – Per alcuni si tratta soltanto di scherzi. Per altri rappresentano addirittura dei segnali di chi fa volantinaggio. Non è mai stato accertato che siano i nomadi i responsabili di questi segnali. del resto il fenomeno è noto da tempo. Le prime segnalazioni sono giunte al Servizio Antibufala il 15 aprile 2005, appelli analoghi sono in circolazione da anni (prima ancora che arrivasse Internet), come indicato dall’esistenza di siti che presentano lo stesso elenco o sue varianti. Uno degli articoli riguardanti il cosiddetto “codice degli zingari” risale addirittura al 1997, e segnala che di questo “codice” hanno parlato numerosi quotidiani e telegiornali regionali. Paolo Toselli, coordinatore del Centro Raccolta Voci e Leggende Contemporanee, autorevole sito dedicato a questo tipo di appelli, mi scrive che “in Italia il caso esplode negli anni ’90, ma si riscontrano segnalazioni sin dagli anni ’60”.
Secondo il Corriere di Chieri, a giugno 1997 il cosiddetto “codice degli zingari ladri” sarebbe finito anche “sul tavolo del ministro degli Interni, Giorgio Napolitano, poiché il senatore della Lega Nord Luigi Peruzzotti chiedeva di diffonderlo per garantire maggiore sicurezza ai cittadini” (Peruzzotti è la grafia riportata dal sito del Senato; altre fonti scrivono “Perruzzotti”).

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU CIAMPINO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”35″]