La morte di Stefano Salvatori, nessuna gara di sputi: il giallo della rissa

La verità sta venendo piano piano a galla. Ecco le ultime indiscrezioni

0
1470

La verità sta venendo piano piano a galla sulla morte di Stefano Salvatori, il ragazzo di 17 anni precipitato quel maledetto sabato dello scorso 16 maggio dalla balconata dei Giardini del Principe a Palestrina. Qualcuno, grazie ai giornali e al clamore suscitato dalla trasmissione Chi l’ha visto, inizia a parlare. E così si scopre che improvvisamente di quella “gara” ormai famosa di sputi dalla balaustra non sembra esserci più traccia. Innanzitutto perché le testimonianze raccolte tra i giovani presenti al momento del tragico volo (almeno una cinquantina di persone) sono ancora contraddittorie. Poi perché Stefano era appena arrivato nel luogo dove ha smesso purtroppo di vivere. Chi lo conosce bene sa che quel ragazzo dal sorriso sempre stampato sul viso non avrebbe mai fatto una cosa del genere.

LE INDAGINI – No, Stefano non stava sputando prima di morire. Le sorelle, la famiglia e tutti i conoscenti pretendono la verità su quanto è accaduto quella sera.
Le indagini proseguono ma non sembrano per ora rivelare elementi chiarificatori. Resta per esempio da chiarire la causa di quell’ematoma sull’occhio destro della vittima in una posizione diametralmente opposta alla ferita mortale sulla testa.

IL GIALLO DELLA RISSA – E poi c’è il giallo della rissa. Dalle primissime indiscrezioni raccolte sembra che subito dopo la caduta di Stefano si sarebbe accesa un’accesa discussione tra un gruppo di giovani sfociata poi in una vera e propria aggressione fisica. Anche qui tutto da accertare, solo voci e chiacchiericcio. Ma se il fatto fosse confermato lascerebbe certo un bel punto di domanda: «Perché subito dopo l’incidente è scoppiato un litigio? C’è un legame tra le due cose accadute in quel preciso momento?» È quanto si chiedono anche gli avvocati della famiglia, che ieri a Chi l’ha visto hanno rinnovato un appello a tutti i cittadini per aiutare a trovare la verità su una morte assurda che ha distrutto una famiglia e sconvolto un’intera comunità.

È SUCCESSO OGGI...

Rissa e furti dopo Lazio-Spal: identificato un altro tifoso. Daspo di 8 anni

Dovrà restare lontano dai campi di calcio per 8 anni il tifoso arrestato dalla Polizia di Stato domenica sera al termine di Lazio-Spal. Il Questore di Roma, considerato che il tifoso oltre ad essere già conosciuto dalle Forze...
Cronaca di Roma

Picchia e minaccia la compagna per denaro in strada: agente interviene

  Non era la prima volta che aggrediva la sua compagna, “rea” di opporsi alle sue continue richieste di danaro. L’altra sera l’ha avvicinata in strada e, al suo diniego, ha cominciato a colpirla con pugni...

Turisti nel mirino dei ladri: furti di bagagli sulle auto con targa straniera

Continua l’azione dei carabinieri per contrastare i reati che vedono come vittime i turisti in visita nella Capitale. Dopo i numerosi arresti dei giorni scorsi, i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma San...

Sanità, in arrivo nel Lazio 178 nuovi medici di famiglia

"Posto di lavoro stabile per 178 medici di medicina generale. Questa concreta possibilità è contenuta nel bando pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Lazio lo scorso 27 giugno. Il provvedimento punta a ristabilire il rapporto ottimale...

Parcheggiatore abusivo aggredisce una ragazza che si è rifiutata di pagare

I carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un parcheggiatore abusivo 40enne, del Bangladesh, con precedenti e irregolare in Italia, che ha tentato di estorcere denaro a una 24enne romana. Ieri pomeriggio, in piazza Giuseppe...