Ardea, omicidio Torni: risolto il mistero

1
86

Un amore finito male e rivalità fra boss della malavita locale alla base dell’omicidio di Alessandro Torni avvenuto sul litorale sud di Roma il 3 Gennaio 2008. Sono gli elementi emersi durante le indagini dei carabinieri della compagnia di Anzio, che questa mattina, con l’ausilio dei nucleo carabinieri cinofili e del reparto elicotteri di Pratica di Mare, stanno notificando un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a un 54enne di origini napoletane perché ritenuto il mandante dell’assassinio.

L’uomo, allora 43 enne, era da poco uscito dalla caserma dei carabinieri di Marina Tor San Lorenzo, comune di Ardea, dove quotidianamente si recava per adempiere all’obbligo di firma, impostogli dall’Autorità Giudiziaria, quando fu avvicinato da un autovettura e freddato con due colpi di arma da fuoco al torace, mentre era in auto con il padre e il figlio.

Nel corso delle complesse indagini i militari hanno appurato che alla base del grave episodio delittuoso ci sarebbero stati da un lato dei forti rancori personali, attinenti una relazione sentimentale conclusasi male fra il mandante e la sorella dell’assassinato, e dall’altro la volontà di entrambi di primeggiare nel contesto criminale locale.

1 COMMENTO

Comments are closed.