Ardea, presa la professionista dei portafogli

0
30

Era diventata l’incubo dei viaggiatori della linea A della metropolitana capitolina. Ogni giorno riusciva a borseggiare almeno 15 passeggeri alleggerendoli dei loro portafogli. Ben conosciuta dagli uffici di Polizia che, in piu” occasioni, ancora minorenne, l”aveva sorpresa a rubare affidandola a centri di prima accoglienza. Diventata maggiorenne, per lei pero” si erano aperte le porte del carcere di Rebibbia.

Negli ultimi anni, oltre a essere stata sorpresa a rubare e quindi arrestata, aveva accumulato decine di condanne da parte del Tribunale di Roma. Ed è per questa ragione che nei suoi confronti il Tribunale aveva emesso un provvedimento di cattura, dovendo scontare 7 anni e 9 mesi di reclusione per tutti i reati commessi. Le indagini da parte degli agenti del commissariato di Anzio-Nettuno, diretto da Mauro Baroni, incaricato dell”esecuzione del provvedimento, sono risultate fin da subito difficili.

La donna infatti, H.V., 37enne di origine bosniaca, senza fissa dimora, risultava aver fornito quale ultimo domicilio un”abitazione fatiscente ubicata a Nettuno. Le incessanti e complesse indagini da parte degli investigatori del commissariato hanno dato i loro frutti. Ieri pomeriggio gli agenti della squadra investigativa, nel corso di una perlustrazione in una zona malfamata e ad alta densità criminale di Ardea, sono riusciti a rintracciare la ricercata. Malgrado la donna, priva di documenti, abbia dichiarato false generalità agli investigatori, questi, insospettiti, l”hanno accompagnata presso gli uffici del commissariato dove, grazie ai riscontri dattiloscopici, hanno scoperto le vere generalita” della donna. Arrestata, e” stata accompagnata presso il carcere di Rebibbia.

 

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU ARDEA DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”32″]