Acilia, wii party e violenze sessuali

1
61

Avrebbero confermato tutti le accuse nei confronti del loro allenatore. Le violenze si sarebbero tenute presso i locali della parrocchia di Acilia (dove l’uomo allenava la relativa squadra di calcio).  Il mister avrebbe abusato anche di un secondo minore nel periodo compreso fra l’estate del 2011 e dicembre 2013: previsto un incidente probatorio anche per lui.

L’ORDINANZA – «Sussistono confortanti segnali (e riscontri)» ha sottolineato il collegio, presidente Claudio Carini, «della piena credibilità dei due bambini, della spontaneità e genuinità della loro narrazione e della veridicità dei fatti da ciascuno riferiti». Anche perché ci sarebbe una coincidenza a provarlo: la stessa promessa fatta dall’allenatore per adescare i piccoli calciatori, ossia giocare con la Wii, i videogiochi. Un racconto ieri ripetuto da uno dei bimbi nell’incidente probatorio che si è tenuto a Piazzale Clodio in presenza di giudici e psicologi. «Marco e Giuseppe (i nomi sono di fantasia), senza conoscersi, a distanza di un anno l’uno dall’altro, hanno riferito al pm, nelle forme garantite dell’audizione protetta e l’assistenza di uno psicologo, con precisione – Marco facendo anche dei disegni – dati sorprendentemente coincidenti sia per la tipologia di abuso sessuale sia per la modalità di approccio, ossia la promessa di regali e la condivisione della Wii», si legge nell’ordinanza del Riesame che ha respinto la scarcerazione dell’allenatore rimosso qualche mese prima dell’arresto.

WII-PARTY – Nel racconto di entrambi i piccoli, come confermato anche dall’esame di ieri, non sarebbero mai emerse tracce di «incongruenze, contraddizioni o condizionamenti». Il loro agghiacciante racconto infatti è stato ripetuto più volte a più persone e purtroppo sempre con le stesse conclusioni. Uno dei bimbi sarebbe stato molestato negli spogliatoi, l’altro nell’abitazione del mister, visto che era un amichetto del figlio, e veniva invitato ai Wii-party organizzati a casa.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU ACILIA DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”18″]

1 COMMENTO

Comments are closed.