Pomezia, legionella nell’acqua: chiuso il secondo piano di un hotel

Il batterio è stato rilevato dai tecnici dell’Arpa Lazio, che nei giorni scorsi aveva compiuto delle analisi su diversi campioni

0
294

Legionella pneumophila nell’acqua dell’hotel. Per questo motivo è stata disposta la chiusura del secondo piano dell’Hotel G di Pomezia. Il batterio è stato rilevato dai tecnici dell’Arpa Lazio, che nei giorni scorsi aveva compiuto delle analisi su diversi campioni di acqua prelevati nell’albergo.

I RISULTATI – Dai risultati è emerso che nell’acqua prelevata al secondo piano dell’hotel a 4 stelle si riscontrava una “elevata concentrazione” di legionella. Immediata la comunicazione al Dipartimento di prevenzione dell’Asl Roma H che, a sua volta, ha chiesto al Comune di Pomezia di disporre la chiusura del secondo piano della struttura ricettiva e di ordinare la bonifica dell’impianto di distribuzione dell’acqua per eliminare le fonti dell’infezione.

PROBLEMI IN FUTURO – A seguito della comunicazione del Servizio di igiene e sanità pubblica, l’Amministrazione comunale ha ottemperato a quanto richiesto dalla ASL ordinando alla società Smedil, proprietaria dell’hotel, non solo di chiudere il secondo piano e di bonificare la rete di distribuzione dell’acqua, ma anche di arsi di un sistema di prevenzione e controllo per evitare problemi in futuro.

[form_mailup5q lista=”pomezia”]

È SUCCESSO OGGI...