Ostia, la guerra del Natale

0
95

Neanche un mese al Natale e già iniziano le polemiche. Mentre in centro si procede alla regolarizzazione dei mercatini, a Ostia fa discutere la decisione di istituire la cosiddetta Fiera di Natale dal 4 dicembre al 7 gennaio.
Gli operatori del Consorzio del Centro Commerciale Naturale Lido di Roma si schierano contro il provvedimento e minacciano ricorsi.

«Leggendo con attenzione la delibera che istituisce la manifestazione – si legge nella nota – risulta chiaro che si tratta di un progetto di basso profilo teso a mascherare il trasferimento in pieno centro del ‘solito’ mercatino natalizio delle bancarelle, prima previsto in via Vincenzo Vannutelli e viale Cardinal Ginnasi, con l’aggiunta di due aree dedicate alla ristorazione dalle dimensioni non dichiarate. In un momento di gravissima recessione, con molti esercizi che sono sull’orlo del fallimento, le istituzioni decidono dunque di realizzare un mercato che verrà a ‘cannibalizzare’ il lavoro che gli operatori del CCN preparano e attendono tutto l’anno. Ci si aspettava un coinvolgimento diretto nell’iniziativa – continuano – magari offrendo la possibilità ai nostri operatori di essere protagonisti di parte dell’evento.

Invece, si privilegia il mondo dell’ambulantato a discapito del commercio di prossimità e delle realtà locali. Visto che il presidente del X Municipio ha una sua delegata nel consiglio direttivo del Consorzio, ci si aspettava una maggiore considerazione nei confronti degli operatori che da anni, con grandi difficoltà, cercano di migliorare l’immagine di questo quadrante della città. E’ dunque venuto meno il proficuo rapporto di collaborazione e di confronto che pur ci era stato prospettato in diverse occasioni. In questo modo, gli amministratori locali alimentano un clima di sfiducia nei confronti del mondo politico e impediscono, di fatto, l’affermazione della visione di comunità».

Il CCN percorrerà tutte le vie legali per far valere le proprie ragioni e chiederà agli organi competenti di vigilare affinché la “Fiera di Natale” sia in possesso di tutte le autorizzazioni previste dalla legge, in primis l’autorizzazione paesaggistica per le strutture temporanee in legno menzionate dalla delibera. Per lunedì 18 è già prevista una protesta. Dalle ore 17, tutti i negozi spegneranno le insegne e abbasseranno le saracinesche.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU POMEZIA DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”26″]