Ponte di Nona, occupata palazzina in via Corti

0
80

La settimana di ”sollevazione” dei Movimenti per il diritto all”abitare, che culminera” nella manifestazione di sabato, e” cominciata con tre occupazioni a Roma. Una cinquantina di nuclei familiari (per un totale di circa 150 persone), soprattutto italiani sfrattati, ha occupato due palazzine a via Corti a Ponte di Nona, “confluite- riferiscono i Movimenti- in un fondo immobiliare”.

OCCUPAZIONI ALAL MONTAGNOLA – Il blitz piu” grande, invece, e” quello di via Baldassarre Castiglione alla Montagnola, dove circa 300 nuclei (per un totale che si avvicina alle 700 persone) e” entrato in un grande palazzo di uffici di proprieta” dell”Inarcassa, gia” occupato negli anni passati e sgomberato circa tre anni fa. “Siamo determinati a rimanere qui, non si tratta e non si esce”, dicono dall”occupazione.

BLITZ ANCHE A TORRE SPACCATA – L”ultima ”azione” e” stata compiuta a Torre Spaccata, in particolare in un palazzo di proprieta” del costruttore Caltagirone in via di Torre Spaccata. Qui sono entrati piu” o meno 80 nuclei familiari per un totale che si aggira intorno alle 300 persone, tra italiani e migranti. “Sono arrivati quelli della sicurezza privata- raccontano gli occupanti- gli abbiamo detto che e” un”occupazione politica e che se ne dovevano andare”.
“Questa e” un”iniziativa complessiva- commentano i Movimenti- contro il piano casa di Renzi che va cancellato perche” non trova risposte. Nemmeno nelle operazioni di social housing che sono in mano a privati, in questo caso cooperative, e rivolte solo a soggetti solvibili. In piu” dagli uffici dei Municipi hanno cominciato a non rilasciare piu” le residenze agli occupanti, perche” e” arrivata la circolare dal ministero, e a Parma addirittura sono cominciati i distacchi delle utenze”.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU PONTE DI NONA DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”14″]