Ricerca, 200 precari occupano l’Iss

0
1389

Zaini e sacchi a pelo sotto la bandiera dell’Unione Europea per ribadire il diritto alla stabilizzazione. 200 precari dell’Istituto Superiore di Sanità hanno trascorso la notte tra lunedì e martedì nella sede del centro di ricerca eccellenza in Italia occupando  l’Aula Magna “Pocchiari”  di viale Regina Elena a Roma.

L’occupazione è stata deliberata da un’assemblea a cui hanno partecipato circa 200 lavoratori. Si tratta di giovani e meno giovani, alcuni anche cinquantenni, che sono precari anche da dieci o quindici anni e che, nonostante l’impegno sempre crescente e il contributo alla ricerca, vivono nell’attesa di rinnovi che spesso non superano l’anno.
I lavoratori, supportati dal sindacato  l’USB Pubblico Impiego hanno chiesto il rispetto degli impegni assunti pubblicamente dal Ministro Lorenzin sulla stabilizzazione di tutti i precari ISS.

“Al momento non ci sono i presupposti per interrompere la protesta”, dichiara Cristiano Fiorentini, dell’Esecutivo Nazionale USB P.I. “Serve un piano complessivo di stabilizzazione che comprenda tutti gli oltre 500 precari dell’Istituto, altrimenti dovremmo trarre la conclusione che il Ministro Lorenzin e il Governo tutto hanno preso in giro i lavoratori precari dell’ISS”.
Prosegue Fiorentini: “Riteniamo che sia difficilmente sostenibile per questo Governo, che si rappresenta come innovativo, rimangiarsi un investimento sulla ricerca sanitaria quantitativamente irrisorio per la legge di stabilità, ma di grande significato su un tema molto sentito dai cittadini come quello della salute e di ritorno concreto per il Paese”.

“L’ISS è un ente fondamentale per il Servizio Sanitario Nazionale – evidenzia  il dirigente USB – svolgendo funzioni di controllo, di ricerca e di intervento nelle emergenze sanitarie. Se così non fosse, il Ministro Lorenzin e il Presidente Renzi lo dicano chiaramente e la smettano di riempirsi la bocca con gli elogi sulla Ricerca, sui ricercatori e sulla retorica della fuga dei cervelli”.
Ieri sono proseguite le votazioni alla Commissione Bilancio e solo l’approvazione dell’emendamento con una cifra congrua per la stabilizzazione dei precari può far terminare l’occupazione, fanno sapere dall’Usb.
Francesco Unali

LASCIA UN COMMENTO

È SUCCESSO OGGI...