Roberta Ragusa sul treno Roma-Anagni? Ecco la verità

La procura ha depositato oggi il ricorso per Cassazione contro la sentenza di non luogo a procedere nei confronti di Antonio Logli

0
220

Il 24 Marzo 2012 alcuni carabinieri ritennero di aver visto Roberta Ragusa, scomparsa dal 2012, in un treno che portava da Roma ad Anagni. Da come si può leggere però sulle pagine della testata online Il Tirreno, quella donna altri non era che una commessa di Anagni, questa identificazione esatta è stata possibile proprio grazie ad una telespettatrice di Chi l’ha visto?.

IL RICORSO – La procura della repubblica di Pisa ha depositato oggi il ricorso per Cassazione contro la sentenza di non luogo a procedere nei confronti di Antonio Logli, pronunciata il 6 marzo scorso dal giudice dell’udienza preliminare nei confronti dell’uomo accusato di omicidio volontario e distruzione di cadavere per la scomparsa della moglie Roberta Ragusa. Lo ha reso noto il procuratore facente funzioni Antonio Giaconi sottolineando che il Gup ha «esorbitato dai suoi poteri». Secondo la procura, è spiegato in una nota, è «erronea l’applicazione della regola di giudizio avendo il gup, nell’adozione della sentenza di non luogo a procedere per insussistenza del fatto, esorbitato dai suoi poteri, procedendo a una valutazione di merito del materiale probatorio acquisito e così esprimendo un giudizio di colpevolezza dell’imputato, anzichè limitarsi a valutare se gli elementi acquisiti risultino insufficienti, contraddittori o comunque non idonei a sostenere l’accusa in giudizio».

[form_mailup5q]

È SUCCESSO OGGI...