Malato con pistola finta. Paura al policlinico Casilino

Impugna arma e minaccia due vigilanti. Poi il poliziotto va in bagno e gli parte un colpo

0
134

Aveva una pistola – poi rivelatasi un’imitazione – tra gli effetti personali portati in ospedale per il ricovero. E’ per questo che un agente della vigilanza interna, su segnalazione del personale medico, è intervenuto stamattina per ”disarmare” un paziente di 50 anni ricoverato al Policlinico Casilino.

Scatenando però il caos: all”avvicinarsi del vigilante, accompagnato da un infermiere, il paziente ha dato in escandescenze e impugnato la finta pistola, ha minacciatoi due.

Dopo alcuni momenti di tensione, la guardia giurata è riuscita a bloccare l”uomo e a consegnarlo agli agenti della Polizia del commissariato Casilino nel frattempo intervenuti. Terminata ”l”azione”, il vigilante si è appartato in un bagno dell”ospedale per scaricare la propria arma, ma gli è accidentalmente partito un colpo che ha causato un po” di spavento senza procurare danni a persone.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]

È SUCCESSO OGGI...

Cadavere crivellato trovato a Castel San Pietro Romano: si indaga per omicidio

Orrore a Castel san Pietro Romano dove il corpo di un uomo senza vita e crivellato di colpi è stato trovato stamattina per strada.   L'allarme è scattato poco dopo le 7 ma il cadavere, riverso...

Roma, tentato colpo in un centro sportivo: recuperate mazze da golf

Si sono introdotti in un centro sportivo in zona Tor di Quinto e hanno rubato numerose mazze da golf ma, quando si stavano allontanando, sicuri ormai di averla fatta franca, sono stati bloccati dai...
Controlli dei Carabinieri auto notte movida

San Basilio, duro colpo dei carabinieri alla piazza di spaccio

E’ un duro colpo alle piazze di spaccio nel quartiere San Basilio quello assestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Montesacro che hanno individuato un’abitazione utilizzata come centro di stoccaggio della droga...

Roma, gli immigrati puliscono le strade e chiedono integrazione

C’è chi la solidarietà se la va cercando rendendosi utile socialmente e non elemosinando davanti ai negozi su postazioni ormai divenute fisse. Come nel caso che vogliamo citare oggi. Da un po di tempo...