Nomadi, campo della Monachina è la nuova Malagrotta

Il degrado regna sovrano tra il XII e XIII Municipio denunciano il consigliere regionale Santori e l’esponente del comitato DifendiAmo Roma Corsetto

0
721
Comune di Roma, degrado sul ponte dell'Aurelia, campo della Monachina nuova Malagrotta

«Le denunce e le foto del degrado che caratterizzano il campo nomadi tollerato della Monachina lasciano poco spazio all’immaginazione. Si tratta della nuova Malagrotta, luogo dove i nomadi selezionano il rovistato e occupano un’intera area tra Massimina e l’Aurelia invadendo quotidianamente il ponte sull’Aurelia di collegamento tra il XII e il XIII Municipio. Una situazione intollerabile che costa ai cittadini centinaia di migliaia di euro e lasciato in completo stato di abbandono da Roma Capitale».

Così dichiarano in una nota congiunta Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio, e Riccardo Corsetto, esponente del comitato DifendiAmo Roma, nel commentare le denunce continue che arrivano dalla cittadinanza residente e da quella che attraversa quotidianamente l’Aurelia.

DISAGI PER I CITTADINI – «Si tratta di uno quei campi che nel Piano Nomadi doveva essere chiuso e trasferito e – si legge ancora nella nota -, invece oggi regna una vera e propria anarchia. A risentirne sono i cittadini di Casal Lumbroso, Massimina, Castel di Guido, Montespaccato, che faticano  a fare una raccolta differenziata gestita da Ama in maniera ancora insufficiente e disorganizzata».

LE BONIFICHE – «Ma in questo campo si registra un disastro ambientale, tra roghi di materiali, rifiuti di ogni genere e condizioni igienico-sanitarie inaccettabili – conclude Santori -. L’Anas è costretta periodicamente a chiudere il ponte dell’Aurelia, dove si trova il campo, per effettuare bonifiche a spese dei contribuenti e mettere in sicurezza la stessa arteria. Nessuno è riuscito mai a spostare questo campo, ci chiediamo se non vi sia un atteggiamento ricattatorio degli stessi rom nei confronti delle Istituzioni. Vorremmo che così non fosse, ma è anche inutile chiederlo al sindaco Marino», conclude Santori.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUEQUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]

 

È SUCCESSO OGGI...

Cerveteri, caso autovelox: assolti sindaco e assessori

Si chiude a Cerveteri il caso autovelox: con sentenza della Corte dei Conti è stata assolta la giunta comunale che il 21 maggio 2014 aveva affidato con delibera la gestione del rilevamento della velocità...

Ritmo e musica popolare con Ambrogio Sparagna al Museo di Roma

Tra serenate e cantate popolari, musica di strada e tradizionale, nell’ultimo sabato sera di apertura straordinaria del Museo di Roma sarà impossibile non venire contagiati dal ritmo. Infatti sabato 26 agosto lo splendido palazzo con vista su piazza Navona si prepara...

Innesca un incendio nel bosco, arrestato in flagranza di reato

Nel pomeriggio di ieri, militari del NIPAF appartenenti al Gruppo Carabinieri Forestale di Viterbo, hanno proceduto all’arresto di un trentanovenne residente per incendio boschivo doloso nel comune di Viterbo. A seguito di attività d’indagine di...

Campidoglio, al via piano anti-terrorismo

Rafforzamento dell’area pedonale di via del Corso, nel tratto che va da Piazza del Popolo a Largo Goldoni, con il posizionamento di fioriere e divieto d’accesso al Colle capitolino per ncc e taxi. Queste le principali misure...

Alta tensione in piazza Indipendenza, rifugiati: «Non siamo terroristi»

Donne, bambini, giovani e meno giovani, tutti accampati sull'aiuola di piazza Indipendenza con la Polizia che li circonda in attesa di un nuovo sgombero dai giardini.   Con slogan urlati in faccia alle forze dell'ordine come...