Roma, armati di spranga e pistola organizzano spedizione punitiva

Volevano vendicare una donna picchiata dall’ex compagno: arrestati dalla polizia

0
179
Genzano, aggressione e vendetta in poche ore tra donne

Deciso a vendicare una sua dipendente, picchiata il giorno prima dall’ex convivente, il gestore di un bar, romano di 46 anni, ieri notte si è recato a casa del presunto aggressore con un amico armato di pistola.

I FATTI – Dopo essersi introdotti nello stabile dove vive l’uomo, i due hanno iniziato a dare colpi alla sua porta cercando di sfondarla.
L’uomo, spaventato, ha telefonato al 113.
Quando gli agenti del Reparto Volanti sono arrivati sul posto, hanno notato una persona in strada che, alla loro vista, ha cercato di fuggire nascondendo qualcosa dietro la schiena.
Bloccato con non poche difficoltà ed identificato l’uomo, un romano di 52 anni con numerosi precedenti di Polizia, è stato trovato in possesso di una pistola Beretta calibro 9 con colpo in canna e caricatore rifornito.
Nel contempo, altri agenti della Polizia di Stato sono saliti a casa del richiedente per verificare cosa fosse accaduto.
Nel fare ciò hanno incrociato l’altro aggressore, il 46enne romano che, in evidente stato di agitazione, stringeva tra le mani una spranga di ferro.
Bloccato, è stato accompagnato insieme all’amico al Commissariato San Basilio dove i due sono stati arrestati per danneggiamento aggravato, minacce e violazione di domicilio.
La vittima, ascoltata dai poliziotti, ha riferito di una lite avvenuta il giorno precedente con l’ex compagna, in conseguenza della quale la donna era dovuta ricorrere alle cure mediche.
Questo sarebbe il motivo per il quale il datore di lavoro della donna, avrebbe cercato poi di aggredirlo.
Durante la perquisizione a casa di quest’ultimo, i poliziotti hanno rinvenuto un caricatore con all’interno proiettili calibro 9.
Sull’arma sequestrata e sul munizionamento rinvenuto saranno effettuati in seguito i dovuti accertamenti.

[form_mailup5q lista=”newsletter generale”]

È SUCCESSO OGGI...