Zaia ad Ariccia: continuate a mangiare la carne suina italiana

0
119

  

“Porchetta contro la psicosi da febbre suina” questo il messaggio partito direttamente da Ariccia ieri alla presenza del ministro per le Politiche agricole Luca Zaia che tagliava disinvolto porchetta per tutti nella splendida cornice di Palazzo Chigi. “Approfittiamo di questo momento, compriamo carne di maiale e poi surgeliamola in quantità considerevoli per grigliate e porchettate future” l’appello chiaro e rassicurante lanciato da Zaia. Una giornata di sole e di festeggiamento del prodotto tipico castellano che da poco ha ricevuto il marchio Igp (Indicazione Geografica Protetta) ma che ha subito, a causa della mala informazione relativa al contagio della febbre suina, un drastico calo nell’intero mercato nazionale. “Voi dovete tornare a casa e dire che la carne di maiale non fa male, non ha nulla a che vedere con l\’influenza” ha commentato Zaia ricordando che il suino ha avuto un crollo dei prezzi da 1,50 euro a 1,05 e, contando che in Italia abbiamo circa 13 milioni di capi di allevamento, il crollo del mercato del suino risulta notevole. E la stessa porchetta, che produce un fatturato al consumo di circa 72 milioni e di produzione di circa 36 milioni di euro, risulta l’alimento più colpito. “Dateci una mano – ha proseguito Zaia – a diffondere tranquillità” e prima di assaggiare la squisita porchetta ha lanciato un messaggio chiaro e determinato: “Non possiamo più attendere l\’introduzione della tracciabilità e dell\’origine per la porchetta e gli altri prodotti”. Infatti Zaia ha tenuto a ribadire l’obbligatorietà di concretizzazione del disegno di legge proposto in Parlamento per il quale non intende transigere oltremodo: una difesa senza appello per la carne esclusivamente “made in Italy”. Anche l’assessore provinciale all’agricoltura Daniela Valentini è stata servita dal ministro Zaia di un saporito pezzo di porchetta appena tagliata che ha gustato con piacere insieme al sindaco di Ariccia Emilio Cianfanelli, interessato a lanciare un ulteriore appello: “Servono mattatoi, strutture adeguate per macellare il suino vicino al luogo di lavorazione della porchetta”. Ad Ariccia, come ha ricordato il sindaco, c’è soltanto un piccolo mattatoio che non risulta più sufficiente ai livelli di produzione e agli obbiettivi di produzione italiana di porchetta prefissati. E dopo gli appelli e le rassicurazioni si sono accesi i braceri di palazzo Chigi e hanno grigliato ad oltranza bistecche di suino e salsicce, mentre un lungo trionfo di salumi faceva da cornice alla regina porchetta che in poco tempo è stata consumata quasi per intero.  

                                                                                                                        Maria Chiara Shanti Rai

È SUCCESSO OGGI...

Controlli dei Carabinieri

Furto in chiesa all’Aventino

La scorsa notte, rientrando da un servizio di ordine pubblico, una Squadra Operativa di Supporto (SOS) dei Carabinieri del Battaglione "Puglia" ha sorpreso un cittadino romeno di 30 anni mentre stava rubando una grondaia...

Ardea, approvato bilancio preventivo 2017

Ridurre i costi e rafforzare la riscossione e la lotta all'evasione. Sono questi i due principali elementi del bilancio preventivo 2017 del Comune di Ardea, approvato dal commissario straordinario con i poteri della giunta...

Festa della Repubblica: chiusure veicolari nell’area del Quirinale

Nella giornata del 2 giugno, in occasione dell’anniversario della Festa della Repubblica è previsto il “Punteggiamento d’Onore” che vedrà  i diversi Corpi militari, presenti alla sfilata, schierati lungo l'itinerario  percorso dal Presidente della Repubblica,...
farmaco

Pomezia, le farmacie comunali si rinnovano: giovedì l’inaugurazione in via Virgilio

Un programma di rinnovamento per le farmacie comunali: locali ristrutturati con un look completamente nuovo. Si parte dalla farmacia di via Virgilio che sarà inaugurata giovedì 1 giugno alle ore 11.00.   “Un progetto di rilancio...

Proponeva rapporti sessuali con bambini, poi l’incredibile scoperta

La Polizia di Stato, nell’ambito dell’indagine coordinata dalla Procura di Roma, ha tratto in arresto un 39enne, originario di Taranto, per detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico. L’indagato, già condannato con sentenza ancora non passata...