Grottaferrata, spiava la vicina con una microcamera nel bagno

0
41

I Carabinieri della Stazione di Grottaferrata hanno denunciato un 47 enne italiano, impiegato presso un’azienda di elettronica, resosi responsabile del reato di “interferenze illecite nella vita privata”. Si tratta di una violazione punita dal codice penale con la pena della reclusione in carcere fino a 4 anni. Un  Carabiniere della Stazione di Grottaferrata, qualche giorno fa, durante un servizio di perlustrazione nella cittadina alle porte di Roma, sceso dalla macchina, aveva notato una piccola antenna che fuoriusciva dalla finestra di un’abitazione e, sotto la finestra una scatoletta. Incuriosito, il militare ha chiesto alla proprietaria di casa se fosse a conoscenza di quella piccola scatola che si trovava sotto la propria finestra del bagno. Dallo stupore della donna, i militari hanno compreso che c’era qualcosa che non andava. Una volta entrati nel bagno della signora i Carabinieri hanno scoperto che tra le persiane della finestra vi era una micro telecamera perfettamente funzionante. Pertanto, i Carabinieri di Grottaferrata hanno chiesto ed ottenuto dalla Procura di Velletri un decreto di perquisizione che ha consentito di accedere nell’abitazione del vicino di casa dove è stata fatta la curiosa scoperta. Il vicino infatti aveva un apparecchio con il quale riceveva le immagini trasmesse dalla micro telecamera trovata nel bagno della vicina. Nell’appartamento sono stati inoltre trovati un computer contente numerosi filmati e foto hard. L’uomo è stato immediatamente denunciato in stato di libertà e tutto il materiale elettronico trovato nella sua abitazione è stato sequestrato.

Sono in corso attività per visualizzare alcuni file, presenti nel computer dell’uomo, bloccati con password. Le indagini proseguono anche per verificare se i video girati siano stati scambiati o immessi sulla Rete.