Montecelio, non c’è spazio per chi muore: carenza di loculi al cimitero

0
157

Via all’operazione “recupero loculi” al cimitero di Montecelio dove la carenza di fornetti di qui a breve potrebbe diventare emergenza. Per fare spazio il settore competente del Comune, in attesa che vengano allestiti nuovi spazi per le sepolture, ha dovuto dare il via libera ad un programma di di “restrizioni” delle salme laddove il periodo di concessione trentennale sia scaduto. Provvedimento che può scattare visto che è passato il periodo che la legge individua come necessario alla “mineralizzazione”.

Per ora la decisione riguarderà circa 270 loculi posti nella parte vecchia del camposanto. Esattamente le batterie 1, 3 e 10. Un settore, tra l’altro fatiscente, per il recupero del quale il Comune investirà 82 mila euro. I lavori saranno occasione per liberare con le restrizioni i loculi la cui concessione trentennale e scaduta. Presto saranno resi noti con un manifesto pubblico i destinatari del provvedimento. I parenti hanno trenta giorni di tempo per decidere se sistemare il caro estinto in un altro spazio che sia nella loro disponibilità o se dare il via libera per la collocazione nell\’ossario. Quest\’ultima sarebbe comunque la destinazione della salma nel caso in cui nessuno dovesse dare disposizioni in merito.

Le altre salme, quelle per le quali la concessione è ancora in essere, saranno collocate in deposito e ricollocate al loro posto una volta che la ristrutturazione sarà conclusa. 

Una carenza simile di loculi si è già verifica un paio di anni fa e, in quell’occasione, molte bare in attesa di sepoltura dovettero rimanere in deposito finché non si decise di requisire gli spazi già dati in concessione ma non ancora utilizzati. Il tutto mentre si stavano costruendo nuovi loculi che evidentemente a questo punto sono già esauriti.

Anche adesso è già in corso il procedimento per la realizzazione di nuovi fornetti, cappelle e campi di inumazione che permetterà di uscire dalla nuova emergenza.

Il Comune è anche pronto a dare in concessione per 99 anni dieci aree di dieci metri quadrati ciascuna per costruire altrettante cappelle. L\’unica tipologia edilizia possibile è quella a cripta (interrata). Il prezzo è di mille euro a metro quadrato.

Chi è interessato può presentare istanza su apposito modello da ritirarsi nei giorni di lunedì e giovedì, dalle ore 9 alle 12, presso gli uffici di via della Longarina 1, o scaricarlo dal sito comunale (www.guidonia.org.).

Presso l\’ufficio cimiteriale sarà a disposizione la planimetria con l\’ubicazione delle aree. Le richieste vanno presentate al protocollo comunale in piazza Matteotti,12.

Al fine dell\’affidamento in concessione, qualora giungessero istanze in numero maggiore delle aree disponibili, costituirà titolo preferenziale l\’ordine di presentazione. Ciò vale anche per la scelta dell\’area stessa.

 

 

È SUCCESSO OGGI...

Mafia capitale, condanne pesanti ma non viene riconosciuto il reato di mafia

Sentenza a sorpresa nell’aula bunker di Rebibbia, cade infatti per tutti i 19  imputati il 416 bis, ovvero l'accusa di associazione mafiosa del processo Mafia Capitale. Nonostante il teorema della Procura sia stato respinto...
mafia capitale

Mafia Capitale, confiscati katana e machete a Carminati

Uno jammer (il disturbatore di frequenze) con la batteria ausiliaria, la katana (spada giapponese), due machete e un'accetta. Sono questi alcuni dei reperti, riconducibili a Massimo Carminati, di cui il tribunale ha disposto la...

Autostrada vicino Roma chiusa per incendio: oltre 11 chilometri di coda

Autostrade per l'Italia comunica in una nota che "sull'autostrada A1 Milano-Napoli, la chiusura già in atto a causa del vasto incendio che sta interessando le aree adiacenti al tracciato autostradale, è stata estesa ai...

Renzo Arbore e L’Orchestra Italiana in concerto alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica

Con ironia e delicatezza, Renzo Arbore sa come scatenare il suo pubblico. Lo ha fatto ovunque nel mondo con l’Orchestra Italiana e continua ancora oggi a coinvolgere le generazioni dei padri e quelle dei figli. Tre ore dense di...
Legacoop Lazio ha scritto una lettera aperta alla sindaca Virginia Raggi per chiederle un confronto sulle recenti decisioni della Giunta (Foto Pizzi) salario accessorio

Dopo polemiche, Raggi revoca l’avviso per cda Capitale Lavoro

Raggi ci ripensa. Dopo l'attacco sferratole ieri dal centrosinistra de "le città della Metropoli" con un atto odierno la sindaca di Roma e della città metropolitana che firma come "avv. Virginia Raggi" ha revocato,...