Pomezia, blitz Gdf scopre 50mln euro evasione fiscale

0
83

Maxi blitz della Guardia di Finanza a Pomezia: un sistema di false fatturazioni, che attraverso la creazione di 86 società fittizie intestate a barboni, anziani e perfino a 2 persone decedute, ha consentito a un\’organizzazione criminale un\’evasione fiscale di 50 milioni mancato versamento di contributi previdenziali ed assistenziali per oltre un milione di euro dovuto all’uso di manodopera in nero. A scoprirlo, dopo circa 3 anni di indagini con un\’operazione denominata "dirty papers", le fiamme gialle sul litorale romano. Tre le persone arrestate: sulle loro teste pende il reato di  associazione a delinquere e truffa. Sessantaquattro le denunce in totale, di cui 6 per associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale e 58 per reati tributari. Tutto è partito a seguito di una normale verifica fiscale che venne effettuata a una società che commercializzava materiale edilizio. L’azienda era gestita da M.W., italiano di 40 anni, residente a Pomezia. L’uomo aveva avuto precedenti specifici proprio per reati del genere. Secondo quanto appurato dagli investigatori, la pista losca nasce a seguito del rinvenimento di una valigetta contenente decine di timbri, tutti falsi, relativi a ditte e società utilizzate dal sodalizio per i loro illeciti fini. Il gruppo acquisiva società in dissesto, con l’obiettivo di avere credibilità e fiducia nel mercato, dava l’incarico di amministratore a “teste di legno”, indicava sedi fittizie, inviava

comunicazioni alla camera di commercio di unità locali e sedi principali inesistenti, necessarie per ottenere delle visure camerali “credibili” da produrre ai terzi truffati. Poi, il gruppo criminoso

attivava, attraverso la creazione di codici fiscali e documenti di riconoscimento falsi, utenze telefoniche di comodo con le quali contattare clienti e fornitori. In questo modo, emettevano fatture per operazioni inesistenti attestando false transazioni commerciali, denunciando costi inesistenti in evasione di Iva ed Imposte Dirette. Gli “007” delle fiamme gialle hanno scoperto che tra le società vi era uno scambio di fatture per dimostrare la parità o l’attivo di bilancio. A capo di tutto questo disegno, insieme a M.W., sarebbero stati la sua segretaria, S.L., 35 anni, il commercialista, S.M., 56 anni di Pomezia, Q.G., 51 anni, e altre persone che hanno assunto i ruoli di ‘prestanome’ delle società. Altri tre, gli arresti: C.C. 41 anni, D.C.A., 37 anni, e P.G.C., 40 anni.

È SUCCESSO OGGI...

Branco aggredisce e rapina passanti: la polizia arresta 2 persone e ne denuncia 5

E’ accaduto ad Acilia. La centrale operativa della Questura ha inviato gli agenti della Polizia di Stato del commissariato di Ostia in via Angelo Zottoli, per la segnalazione di un gruppetto di giovani intenti...

Ostia, tour “stupefacenti”: agenzia di viaggi utilizzata come serra

In seguito ad una breve indagine, gli investigatori della Polizia di Stato del commissariato di Ostia hanno scoperto che un romano di 48 anni, era solito spacciare nella sua abitazione e così,  si sono...

Trastevere, continua l’offensiva della polizia locale contro l’illegalità

Nel quadro del ripristino della legalità nell'area di Trastevere, interessata da fenomeni di sosta selvaggia, abusivismo commerciale e occupazioni di suolo pubblico, anche questa settimana la Polizia di Roma Capitale ha operato intensamente con...

Violento scontro a Roma su via Cristoforo Colombo: traffico in tilt

Bruttisimo incidente stradale su via Cristoforo Colombo in direzione Ostia. Due le moto coinvolte. Il sinistro, secondo le prime ricostruzioni, si è verificato sulla carreggiata centrale all'altezza di via di Acilia, che è momentaneamente chiusa in...
MONTEROTONDO

Roma, controlli nei luoghi della movida: denunce e locali sanzionati

Dalla serata di ieri e per tutta la notte, i Carabinieri della Compagnia Roma Trionfale e della Stazione Roma Ponte Milvio, supportati da Carabinieri del N.A.S., del Nucleo Ispettorato del Lavoro e delle unità...