Finto prete soggiorna un mese gratis in un albergo di Castel Gandolfo

0
42

Castel Gandolfo (Roma) – Vestiva impeccabilmente l’abito talare e la sua inflessione germanica ha gabbato tutti per oltre un mese. Protagonista della vicenda è un cittadino tedesco di 34 anni, da tempo residente in un piccolo comune della provincia di Bolzano, che si è presentato in una struttura alberghiera di Castel Gandolfo, vestito con abito prelatizio, quale rappresentante dell’Ordine Teutonico del Convento di Lana (provincia di Bolzano). Accolto con tutti i crismi dagli operatori della struttura, il sacerdote ha fruito di un sostanzioso vitto e alloggio per più di un mese per poi sparire improvvisamente nel nulla, senza pagare il conto della sua permanenza. Il falso prete, secondo i racconti dei proprietari dell\’albergo, dopo aver fatto colazione rimaneva fuori stanza per tutto il giorno per poi tornare in albergo la sera, più di qualche volta in stato di evidente ebbrezza. Dopo la fuga è scattata la denuncia, presentata dal direttore. I Carabinieri della Stazione di Castel Gandolfo Ville Pontificie si sono messi sulle tracce del prete truffaldino che grazie ad una serie di testimonianze ed accertamenti è stato scoperto e identificato. Le ulteriori indagini dei Carabinieri hanno permesso di accertare che il tedesco, nonostante avesse frequentato il seminario, non fu mai ordinato sacerdote. Lo attenderà un processo da affrontare per usurpazione di titoli o di onori e insolvenza fraudolenta, oltre al conto da pagare alla struttura alberghiera.