Nettuno: muore in ospedale, aspettava l\’operazione

0
51

Morto in seguito a quello che sembrava un banale incidente Domenico Petrillo, un giovane bagnino di Nettuno, che avrebbe compiuto 18 anni proprio domani. Il ragazzo lavorava in un noto stabilimento balneare della città, e una ventina di giorni fa stava scherzando con un collega più o meno coetaneo mentre trasportavano un pattino. Il giovane purtroppo aveva perso l’equilibrio, ed era caduto battendo la testa su alcuni sassi vicini alla riva. Domenico aveva riportato una frattura a due vertebre cervicali ed era stato ricoverato in un ospedale di Roma per subire un intervento mirato a ridurre la frattura, che avrebbe dovuto essere eseguito ieri mattina. Invece il giovane bagnino non è arrivato in sala operatoria ed è morto prima, forse per un aneurisma, ma si potranno avere maggiori notizie sui motivi del decesso solo attraverso l’autopsia. Sul triste fatto indaga ora il commissariato di polizia di Anzio e Nettuno. Probabilmente il titolare dello stabilimento balneare in cui lavorava Domenico dovrà rispondere dell’incidente del ragazzo, avvenuto mentre stava lavorando. Commossi i suoi compagni di scuola: il ragazzo frequentava l\’ultimo anno del liceo scientifico "Innocenzo XII" di Anzio e lavorava come bagnino per avere qualche soldo per sé stesso. Disperata anche la giovane fidanzata che voleva dedicargli uno speciale augurio di compleanno con una foto su un giornale locale.