Sicurezza, i cittadini di Ardea chiedono maggiore presenza delle forze dell\’ordine

0
38

 Ardea: i cittadini chiedono più sicurezza. E lo fanno inviando una richiesta scritta direttamente al ministro dell’Interno Roberto Maroni. A firmare la missiva sono alcuni tra i gruppi più rilevanti del territorio: i comitati di quartiere di Nuova California e Nuova Florida, l’associazione dei commercianti di Tor San Lorenzo, l’associazione Bimbi e Natura, e lo stabilimento Balneare “La Venere in Bikini”. E con questo chiedono l’intervento dell’Esercito – come già fatto in altre città italiane – o di postazioni mobili di Polizia o Carabinieri, al fine di reprimere atteggiamenti pericolosi e incivili. Nella lettera si sottolinea come l\’ultimo censimento ad Ardea sia stato effettuato nel 2001, dove si accertò una presenza di 26.000 abitanti quando invece vi era una presenza effettiva di circa 30.000 persone. Prima di questo, nel 1991, erano stati censiti 16.854 abitanti. Oggi Ardea arriva a circa 45.000 residenti. “E’ evidente a tutti – si legge nella lettera – che ad un aumento numerico costante sia di popolazione sia di densità abitativa del territorio, non è seguito un pari potenziamento delle forze addette al controllo e alla sicurezza”. I gruppi civici sottolineano al ministro la presenza di alcuni luoghi “strategici”, tra cui viale Marino, via Tevere, il parco giochi di via Reno, piazzale Nuova California, l’immobile confiscato alla mafia di via Modena che, sottolineano i comitati, “da tempo consegnato dall’Agenzia del Demanio al Comune, è ancora abbandonato, insicuro e pericoloso, e continuamente frequentato da bambini e ragazzi la cui vita è fortemente a repentaglio”. Poi l’attenzione va al complesso “Le Torri”, da anni occupato da persone senza fissa dimora. “Perché la popolazione che occupa quelle case non viene censita? Perché lo Stato non interviene? Il curatore fallimentare nominato dal Tribunale che dovrebbe fare gli interessi della banca proprietaria degli immobili è completamente assente e inaffidabile, perché il tribunale non lo sostituisce?”, prosegue la lettera. E una particolare attenzione va poi alle Salzare, teatro di recente di una sparatoria. “Le forze dell’ordine operanti sul nostro territorio, nonostante il lodevole impegno profuso, non riescono a coprire e tutelare un’area così vasta, proprio per le scarse unità di cui dispongono. Riteniamo poi incomprensibile ed assurdo che proprio nei mesi estivi, a fronte del triplicarsi della popolazione, e durante i quali spiagge, strade, campeggi si riempiono, manchi un minimo ed indispensabile controllo”. Per questo i gruppi civici credono opportuno organizzare un convegno sulla sicurezza avendo come tema: “Tor San Lorenzo – Nuova California – Nuova Florida quale futuro” per individuare quelle azioni operative utili a fronteggiare quella che vedono come è percepita come una vera e propria emergenza.