Ostia, impiegato del Grassi prometteva impiego in ospedale in cambio di denaro

0
29

Si vantava di avere amicizie e conoscenze che gli avrebbero permesso di elargire posti di lavoro, ma il prezzo per ottenerli era piuttosto caro. A fare ciò è stato un cinquantaquattrenne che  prometteva occupazioni ed impieghi ad alcuni giovani disoccupati del litorale millantando amicizie e conoscenze nella Asl e all’ospedale “Giovan Battista Grassi” di Ostia dove lavorava come impiegato e, facendo leva su quello che oggi è uno dei problemi più diffusi soprattutto tra i giovani, la disoccupazione, si faceva pagare dai mille ai duemila euro. Di fatto però, nessuna delle promesse fatte è stata mantenuta. A far partire l’indagine dei carabinieri nei suoi confronti è stata la denuncia di una ragazza a cui l’uomo aveva chiesto un anticipo della cifra destinata a garantirle il posto di lavoro. I militari, infatti, hanno filmato la consegna dei soldi e, dopo poco, hanno fatto scattare il blitz. Così è stato arrestato. Ora dovrà rispondere dei reati di truffa aggravata e di concussione. In totale, stando a una analisi delle forze dell’ordine, circa dieci sarebbero stati i giovani truffati.