San Cesareo, i cittadini si tengono la chiesa di San Giuseppe

0
29

 Non ci sarà alcuna demolizione della chiesa di San Cesareo. I cittadini hanno detto no a una nuova Cattedrale al posto della chiesa esistente così come era scritto nel progetto presentato un anno fa dalla Curia vescovile. Centinaia di fedeli hanno sottoscritto il proprio no in un documento a firma congiunta che vuole dimostrare l’attaccamento affettivo al nucleo abitativo originario.

Del resto anche il prospetto urbanistico aveva ricevuto diverse remore. Criticata la scelta di una modifica alla viabilità urbana e l’inclusione del monumento del Milite ignoto che sorge al fianco della chiesa esistente. Inoltre i fondi della Curia non sarebbero stati sufficienti, tanto che nelle previsioni di spesa era stato inserito un introito ulteriore del Comune pari a 700mila euro. Alla voce del popolo si sono presto uniti diversi consiglieri di maggioranza e opposizione. Il progetto ha dovuto così cambiare presto indirizzo. La nuova chiesa di San Cesareo si farà ma all’angolo tra via della Resistenza e via Monte di casa. Questo l’accordo raggiunto la scorsa settimana tra il Comune, la Curia e il proprietario del terreno.

«Si tratta nel dettaglio di un programma di intervento – spiega l’architetto della Curia Walter Di Paola – L’obiettivo è quello di creare un punto di riferimento centrale per i tre nuclei abitativi di San Cesareo. La nuova chiesa – spiega  – riunificherà il paese in una piazza accogliente, prevista di fronte all’edificio e in un battistero annesso, simbolo della nascita di una nuova comunità, costituita da tante e diverse anime. Speriamo quanto prima – aggiunge Di Paola – di presentare la progettazione esecutiva per avviare presto i lavori».

 

                                                                                             Carmine Seta