Ariccia, il Ministero delle Infrastrutture: servono nuove verifiche sul Ponte

0
25

 Il Ponte Monumentale di Ariccia non può più attendere. Questo è in sintesi quello che emerge dalla lettera che il Ministero delle Infrastrutture ha inviato ieri all’Anas e al sindaco del Comune di Ariccia in quanto responsabile della sicurezza della città. Il Ministero invita la Direzione Generale a provvedere nel più breve tempo possibile e ad eseguire un accurato aggiornamento della relazione sullo stato di salute della struttura, già condotta nel 1997 e alla quale non sono poi seguiti interventi manutentivi da parte dell’Anas, così come esplicitamente elencati nella relazione del professor Radogna. Sulla scorta della relazione del 1997 si raccomanda, inoltre, di effettuare la prova di eccitazione dinamica, eseguendo la stessa verifica anche al Ponte di S. Rocco. Relazione che dovrà contenere, sempre dalla lettera del Ministero, l’esatta indicazione degli interventi ed i relativi costi e tempi di esecuzione.

Inoltre, conclude il Direttore Generale del Dipartimento infrastrutture del Ministero, “visto il notevole lasso di tempo trascorso dalla segnalazione dello stato di deterioramento effettuata nel 1997 dal professor Radogna, appare necessario, al fine di garantire la salvaguardia della pubblica incolumità, prevedere fin da subito l’adozione, da parte dell’Amministrazione comunale, di provvedimenti di limitazione della circolazione dei veicoli, che dovrà essere concordata con l’Anas”.

“Anche il Ministero – afferma il sindaco Emilio Cianfanelli – ritiene pienamente fondati i timori dell’Amministrazione comunale sullo stato di degrado del Ponte Monumentale e responsabilmente, sulla scorta di quanto raccomandato dal Ministero delle Infrastrutture stesso, il nostro dirigente della viabilità nei prossimi giorni concorderà con la Direzione Anas un’ordinanza per la limitazione della circolazione sul Ponte Monumentale per garantire la sicurezza degli automobilisti e della cittadinanza”.