Riano, ville abusive: entro dieci giorni lo sfratto

0
27

  Devono lasciare le case entro una decina di giorni. Ieri l’ennesima tegola è caduta sulle teste dei residenti di Colle Drago a Riano. La decisione della Procura Tiburtina era però nell’aria da tempo. “Ce lo aspettavamo –  dicono le famiglie che hanno deciso di acquistare qui la loro casa – qualcuno però adesso dovrà spiegarci cosa faremo dove andremo a vivere”.  A consegnare l’ingiunzione sono arrivati ieri i carabinieri insieme a vigili urbani e agli agenti del corpo forestale dello Stato.  Il nodo riguardo quelle 117  villette costruite su 135 ettari a pochi metri dal centro di Riano ritenute abusive dalla Procura tiburtina  dopo proteste e polemiche, non è stato ancora sciolto.  Una prima ingiunzione di sfratto era arrivato alle circa 400 persone che vivono nella area residenziale era già arrivato qualche mese fa. Una situazione quella degli abitanti di Colle Drago che si trascina dal lontano 2001. I residenti avevano chiesto in ogni modo di non arrivare a questo punto, ma sia il Tribunale del Riesame che la Cassazione avevano già dato ragione al pm di Tivoli Luca Ramacci, secondo il quale le abitazioni costruite su 135 ettari a pochi chilometri dal centro di Riano sarebbero abusive. Per il pm e il gip quei terreni avrebbero dovuto avere destinazione agricola. In pratica, il Comune non avrebbe dovuto rilasciare le licenze a costruire a scopo residenziale. A tal proposito risultano  indagate 193 persone tra proprietari, costruttori e un funzionario comunale. Più di 100 famiglie, tra cui anziani e bambini, hanno cercato di scongiurare lo \’sfratto\’". Ma il gip, il 6 novembre, ha rigettato la richiesta di revoca del sequestro o la sospensione dell\’ordine di sgombero. Il giudice affida al pm il compito di curare l\’esecuzione tenendo conto nei modi e nei tempi delle diverse situazioni, particolarmente quelle afferenti le condizioni di salute degli inquilini. Sempre secondo  il giudice non è ammissibile appellarsi all\’emergenza sociale che ne deriverebbe, come aveva fatto invece il sindaco Nicola Regano. “Il tempo trascorso di nove mesi – ha scritto il gip  – è certamente sufficiente a limitare gli effetti negativi dello sgombero intimato”.  L’inesorabile conto alla rovescia per le famiglie di Riano è cominciato.

 

                                                                                                             Adriana Aniballi