Nomadi verso il centro di Castelnuovo di Porto

0
111

 

Dopo alcune ore di incertezza e proteste è cominciato ieri mattina,  e andrà avanti nei prossimi giorni, il trasferimento  delle circa 120 le persone  dal campo nomadi di via di Salone  alle strutture della Croce Rossa a Castelnuovo di Porto dove  attenderanno di sapere se la loro richiesta di asilo politico verrà accettata.  Una  sessantina i  residenti del campo nomadi  che sono stati già trasferiti nel corso di ieri mattina partiti con le loro auto e su tre pullman della Croce Rossa. A coordinare le operazioni il Prefetto di Roma e commissario straordinario per l\’emergenza nomadi Giuseppe Pecoraro, che si è trattenuto oltre due ore a colloquio con i responsabili del campo, inizialmente contrari allo spostamento. "Dobbiamo verificare se le  persone che trasferiamo nelle strutture della Cri hanno i requisiti per poter stare nei campi – ha spiegato Pecoraro – il regolamento firmato nel febbraio dello scorso anno parla chiaro: hanno diritto a stare nei campi quei nuclei familiari che hanno titolo per rimanere". Le procedure di verifica dello status giuridico delle persone trasferite da via di Salone,  ha annunciato il Prefetto, "dovrebbero durare tra 20 giorni ed un mese".   Una sistemazione temporanea sarebbe quindi, come  già annunciato quella nel centro C.A. R. A di Castelnuovo. “Mi auguro che sia possibile una volta chiarita la loro posizione giuriduca – ha precisato Pecoraro – farli tornare nelle loro abitazioni". I moduli abitativi occupati dai nomadi trasferirti dal campo rimarranno comunque inutilizzati fino a che non verranno portati a termine i necessari accertamenti . Proprio per la paura di perdere le case loro assegnate,  ieri mattina  i nomadi destinati al trasferimento  hanno messo su una vivace protesta rifiutandosi di partire.  “Per rassicurare i residenti della zona – ha rassicurato il Prefetto – sarà rafforzata la vigilanza attorno al centro della Cri, sanno bene però che qualsiasi violazione della legge comprometterebbe automaticamente l\’approvazione della loro richiesta di asilo". Per oggi è quindi  previsto l\’arrivo nel campo di via di Salone di un gruppo di rom che attualmente risiedono al Casilino 900 che avranno a loro disposizione 40 nuovi moduli abitativi. Intanto tra i sindaci dei  comuni dell’area, si è levato nei giorni scorsi un coro di no al trasferimento dei nomadi presso il  centro del C.A.R.A ., da  Capena, Riano e Morlupo temono problemi di ordine pubblico. Il primo cittadino di Catelnuovo di Porto Fabio Stefoni ha addirittura minacciato le proprie dimissioni. Contrari al trasferimento  dei nomadi in zona anche gli esponenti delle forze di opposizione eretina.

 

 

                                                                                         Adriana Aniballi

 

È SUCCESSO OGGI...

Bimba morta cosenza

Due terribili incidenti in poche ore: un morto e 2 feriti

Due feriti è il bilancio dell'incidente stradale avvenuto questa mattina poco dopo le 8 su via Nomentana all'intersezione con via Nibbj. Si tratta di un uomo e una donna trasportati entrambi all'Umberto I. Sul...

Crollo palazzo a Roma, chiesti 3 rinvii e una condanna

La condanna a un anno di reclusione (pena sospesa) per un imputato e tre rinvii a giudizio: sono queste le richieste avanzate dal pm Antonella Nespola al gup Costantino De Robbio nei confronti di...

I profumi del bosco nel piatto, a Canterano è tempo di Sagra del tartufo

Sulle bruschette, sulla pasta fatta in casa e sulle uova. A Canterano è tempo di sapori e di profumi inconfondibili, quelli del tartufo nero pregiato e del tartufo scorzone che esalteranno le ricette proposte...

Roma, Stadio Olimpico sorvegliato speciale: controlli della polizia

Dal mese di agosto in concomitanza con l’inizio della nuova stagione calcistica, il personale della Polizia di Stato - Divisione Amministrativa, diretta da Carlo MUSTI, ha svolto numerosi e mirati controlli straordinari, in relazione...

Banca della terra, così si valorizzano 5mila terreni agricoli

La Giunta regionale del Lazio ha approvato l'elenco dei beni agricoli che rientrano nella Banca della terra. Si tratta di 5.000 terreni agricoli, o a vocazione agricola, nella disponibilita' della Regione Lazio non utilizzati...