Alstom, occupata ieri la sede del Comune

0
28

 Una lunga giornata di sommovimenti per i lavoratori dell’Alstom che ieri a sorpresa hanno deciso di occupare anche l’aula consiliare del Comune di Colleferro. I 150 si sono spezzati in due tronconi, uno allo stabilimento dove è in atto da ormai 72 ore un presidio permanente, l’altro in corteo verso Piazza Italia, direzione Comune. Qui i lavoratori alle ore 10,00 sono stati ricevuti dal sindaco che ha offerto le sue rassicurazioni su una pronta convocazione del Ministero. L’occupazione in Comune si è protratta fino alle ore 17,00 pranzo incluso grazie alla disponibilità del sindaco che ha offerto a tutti un piccolo spuntino dando poi la notizia a fine giornata della convocazione ministeriale. Sono due le date in programma. La prima, giovedì prossimo, alla presenza di rappresentanti del Comune di Roma, della Regione Lazio e del Comune di Colleferro, firmatari del futuro Polo manutentivo. La seconda, di natura più tecnica, prevede invece l’intervento dei rappresentanti sindacali e dei deputati di colleggio Moffa e Carella per un’analisi della situazione. Il presidio allo stabilimento, ancora in corso ieri sera, sarà interrotto solo in giornata in accordo con i rappresentanti sindacali.

A seguire da vicino ora dopo ora le vicende dei lavoratori c’era l’onorevole Carella, che ha auspicato la partecipazione di tutti agli incontri in programma. «Mi auguro che questa volta il Comune di Roma risponda positivamente all’invito del Ministero – dice il deputato del Pd – Non oso immaginare cosa possa accadere in caso di assenza. Io sarò comunque con loro – continua – per sostenere la causa di tante famiglie che aspettano ogni giorno questi lavoratori stanchi ed esausti dei giochi della politica.»

 

                                                                                                             C.S.