Nettuno, crollata la passeggiata a mare

0
30

 E’ crollato un tratto della passeggiata sul mare di fronte al santuario di Santa Maria Goretti a Nettuno. L\’erosione e il maltempo hanno fatto la loro parte, ma la passeggiata, costruita proprio a ridosso della spiaggia, aveva sempre mostrato delle criticità. Voluta nel 2003 dalla ex giunta Marzoli, la struttura era già crollata in passato, una volta a pochi mesi dalla sua inaugurazione, ma gli smottamenti non erano mai stati così gravi. Sono letteralmente franati i sostegni e anche le ringhiere sono andate a finire in mezzo alla sabbia. La zona è ora stata transennata e dichiarata inagibile dal Comune di Nettuno. Il problema è che la passeggiata, nella pratica, non è altro che un marciapiede sopraelevato di qualche metro rispetto al livello del mare. Quindi seppur gradevole e suggestiva all\’occhio, è costruita letteralmente sulla sabbia della riviera di levante, proprio quella che ha subito i maggiori danni a causa dell\’erosione costiera. Nei pressi della struttura c\’è persino un palazzo che ha gli stessi problemi da tempo, e sul quale la Regione Lazio e l\’Ardis, attraverso il ripascimento degli arenili e la costruzione di barriere frangiflutti, stanno intervenendo per evitare che crolli in mare. Nell\’ultimo periodo le onde erano arrivate addirittura a lambire i massi che la sostenevano, e il brutto tempo che ha imperversato durante tutto l\’inverno ha dato il colpo di grazia. Quando la giunta, guidata dall\’ex sindaco di Nettuno Vittorio Marzoli, annunciò anni or sono la volontà di costruire la passeggiata, ci furono le levate di scudi dell\’allora opposizione di centrosinistra e degli ambientalisti, che avevano già presagito l\’impossibilità per una struttura del genere di rimanere in piedi per un periodo prolungato. L\’iter andò comunque avanti e la struttura venne inaugurata. I nettunesi avevano iniziato a gradire quella zona, proprio grazie alla vista e all\’aria che si respirava. Questa settimana il crollo ha sorpreso tutti, e chi è accorso a guardare il triste spettacolo si chiede già quando sarà riparata. Per fortuna non ci sono stati feriti (non c\’erano passanti in quel tratto di marciapiede al momento del crollo), ma di solito la zona è molto frequentata, soprattutto nei fine settimana e durante l\’estate, visto che fa da contorno ad un parcheggio con molti posti auto, dove cittadini e turisti lasciano l\’auto prima di andare al mare.