Collefiorito, degrado all’elementare: genitori in protesta

0
38

  La scuola è sporca, genitori in rivolta alla elementare di Collefiorito che in segno di protesta l’altra mattina non hanno fatto entrare i propri figli a scuola. La situazione “incresciosa” si trascina ormai da settimane all’interno del plesso. Aule e corridoi lasciati in precarie condizioni igieniche sanitarie, polvere sugli armadietti, carte per terra, macchie nere e quant’altro. Una situazione che però è andata via via peggiorando tanto che qualche giorno fa le maestre hanno invitato i rappresentanti delle seconde classi affinché verificassero la situazione di persona. Una condizione insostenibile che ha portato corpo docente e genitori ad organizzare la protesta. Convocati, i carabinieri e l’ufficio d’igiene della Asl hanno effettuato un  controllo e stilato un verbale, poi dopo non avere fatto entrare i bambini a scuola una delegazione di genitori si è rivolta al sindaco  di Guidonia Eligio Rubeis per chiedere interventi. Da parte sua l’amministrazione comunale pur specificando che la gestione della scuola “è di competenza direttamente del Ministero della Pubblica Istruzione”, ha con un atto “straordinario ed irripetibile”, precisano da Palazzo Matteotti, disposto la pulizia del plesso così da permettere ai bambini, almeno per il momento, di poter tornare a seguire le lezioni. Ma la situazione sembra destinata a ripetersi e i genitori sono pronti a manifestare pubblicamente il loro dissenso anche organizzando manifestazioni di protesta:  “il punto – dicono –  sta tutto nella ditta che ha l’appalto per le pulizie, la Miles, che ha mandato nei giorni scorsi una lettera in cui annunciava che due dei suoi dipendenti si erano dimessi e che quindi alcune parti della scuola non sarebbero state più di sua competenza. Nonostante ripetuti solleciti da parte del dirigente scolastico la situazione è rimasta invariata e quindi le condizioni della scuola, affidata alle “cure di soli due addetti, sono rapidamente peggiorate. Ancora inascoltati – concludono i genitori . anche i ripetuti appelli rivolti al Ministero”. Sempre la elementare di Collefiorito tempo fa fu chiusa per topi, in quel caso il Comune che ne aveva la competenza dispose interventi di derattizzazione e alla bonifica del terreno adiacente al plesso dal quale provenivano le bestiole.

 

 

                                                                                               Adriana Aniballi